Società - L'Accademia dei Georgofili conferisca a Concetta Pigna de ''La Guardiense'' la nomina di Aggregato

L'Accademia dei Georgofili conferisca a Concetta Pigna de ''La Guardiense'' la nomina di Aggregato Società

Ancora un riconoscimento per La Guardiense. Questa volta, però, non riguarda i vini, ma la sua vicepresidente Concetta Pigna. A lei, infatti, su proposta della “Sezione Sud-Ovest” e con l’approvazione del Consiglio Accademico, è stata conferita la nomina di Accademico Aggregato dalla prestigiosa Accademia dei Georgofili.

L’importante Istituzione fu fondata a Firenze nel 1753 per iniziativa di Ubaldo Montelatici, Canonico Lateranense, allo scopo di «far continue e ben regolate sperienze, ed osservazioni, per condurre a perfezione l’Arte tanto giovevole della toscana coltivazione». Nata nello spirito cosmopolita dell'Illuminismo ha annoverato, tra presidenti e accademici, studiosi che hanno saputo ravvivare i legami tra la cultura agraria nazionale e quella internazionale.

L’Accademia dei Georgofili è, dunque, la più antica e vitale Istituzione al mondo ad occuparsi di agricoltura, ambiente, alimenti e a promuove il progresso delle conoscenze, lo sviluppo delle attività tecnico economiche e la crescita sociale. Nel tempo ha mantenuto il proprio ruolo e perseguito gli obiettivi enunciati con l’atto costitutivo pur avvertendo sempre la necessità di adeguare organizzazione e metodi del proprio lavoro per rispondere alle mutate esigenze dei tempi.

Il lavoro svolto dall’Accademia ha fatto e fa emergere un richiamo continuo alla consapevolezza della vitale importanza dell’agricoltura, da sempre giustamente considerata settore primario, non solo per la priorità temporale delle sue attività produttive, ma anche perché ha costituito e costituisce tuttora la fonte principale del nostro sostentamento alimentare.

I Georgofili (amici dell’agricoltura) hanno rappresentato e rappresentano uno strumento per confrontare e far circolare le idee, collegandosi con il mondo e contribuendo a mantenere alto il prestigio della nostra cultura, sempre nel pieno rispetto del proprio motto “Prosperitati Publicae Augendae” che evidenzia come l’attività dell’Accademia sia sempre stata rivolta all’interesse pubblico.

I Georgofili hanno continuato sempre a svolgere attività di pubblico interesse senza alcun fine di lucro, all’insegna di un volontariato costantemente rispettato con orgoglio.