Società - L'emigrante: ''Cuanno arivava la state erano abbiate tute le feste ca al solo penziere mi comuovo''

L'emigrante: ''Cuanno arivava la state erano abbiate tute le feste ca al solo penziere mi comuovo'' Società

Carissimo cainate,

cuanno arivava la state erano abbiate tute le feste ca al solo penziere mi comuovo. Come  mi puterria scordare la felicità ca ala festa nun sera faticà. Perciò si dice faciamo la festa e penzo a cuanno sinfocava il sole aumentava la fatica inta la cambagna ca sulamente pè sceppare lereva da miezo al grano o inta luorto delanzalata oppuramente di aunare le sponze di grarigno oppuramente di salle alalbero dele cirase e nun ti dico lalecene comerano doce.

Ma la festa era la sudisfazzione di metere il vestito nuovo quelo cola giachetta e le scarpe allucitate sola crommatina marca brillo.

Mango affarlo à posta le feste veneva sembre alestata abbianno da Santantonio ca ce stevano pure certi criaturi ca erano tenuto i richioni oppuramente la brunghita e alora le mamme li vestevano cola vesticciola di Santantonio e puro il cordone ca ciarrivava fino a sotta i pieti. E si faceva la giupressione cole verginelle e langiulilli e tuta la popolazzione cantava  mentre la banda musicale sonava le marce militare oppuramente Mira il tuo Popolo.

Ma la granda festa era ala Madonna Assunta la quale era viggilia e cola scusa ca si poteva magnare sulamente pane e melone si faceva una scorpaciata di melone a aqua ca si magnaveno pure le scorce prima di iettarle ai puorci e ale galline. Pò la viggilia era stata cangellata perchene era arrivata la rassa e nun si puteva fare una stinenza e diggiuno doppo ca u iuorno appriesso era arrivato Ferrausto una festa nova ca significava ca puro il popolo taliano sera accatata la machina e ieva al mare.

Ma noi di paese ievamo addò ce steva nu poco daqua ecci pareva ca i breventani fossero furtunati perchene potevano fare i bagni a Ciento o ala Parata dove ce steva puro la rena pe stentersi al sole e pigliare la bronzatura.

E accussì da giorno di viggilia e penitenza la Madonna Assunta sè cagnata  e si chiama Ferracosto e si strunzo oppuramente richione si nun lassi casa toia e nun vai affare una scambagnata o una merenna ca puro chesto mò è cagnato perchene ànno asciuti i lacri turismo ca ti fotono perchene ti prumetono cicatielli cola braciola etti rifilano tortellini al brodo e nu pezzariello di carna abbrustuluta chisà forse nuosso daino.

Pè fortuna doppo dieci iurni ariva SantAnna ca era la mamma dela Madonna e alora ogni mamma vace ala chiesia cuma si fosse a trovare una parenta di famiglia. Per noi di cambagna SantAnna era il simpolo dela vera femmena ecasa la quale a San Giuseppe ca puro era capo di casa lera miso a fatiare a falegnamo e essa faceva la patrona laquale annoi ci benedicie e ci cunzola cuanno dobiamo passare nu uaio. Ma puro il nome di Maria Notto setembre era una bella festa cò tanta sparatoria di fuoco pirito tecnico e magnate di puparuoli e patane fritte e si cera rimasto si poteva assaggiare una fella di melone a aqua.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE