Una volta la donna caminava cumposta Società

Carissimo cainate,

la pringipale cupazzione dela mente feminila è quelo di rompucazzo al genero umano ca sarria propetamente luomo masculo camò ti spieco. Piglia come si stanno organizanno inta la tili visiona tute arrapate di smerdiare il masculo raccontante tute le vote che esse nunnanno restate sudi sfatte condicente ca era stato isso il masculo ca nunnera buono e ca lo teneva muscio e ca esse chisà che si credeva ca la fandasia era iuta oltre limmagginaziona.

Inzomma è la solita storia prima ti stuzicheiano eppò telo rinfaciano ma sembre cò uno scopo ben preciso tipico di ogni putanesimo ma aumendato ala nesima putenza nel putanesimo dele donne.

Si fosse vero ca esse nun vulessero esse inzurdate dal masculo avessera ascine vestute con decenza tute coperte e colochio basso coma cuanno la donna ieva ala chiesia oppuramente asceva al braccio di un marito chiu o meno curnuto.

Tu piglia cume vanno cumbinate cu certi tacchi di scarpa ca tu le uardi eddici ma cume fanno annun cadere e immece stace tuttollà il grande inganno.

Una volta la donna caminava cumposta e signurilità senza fare muvimenti fauzi e tenenno le cose feminile zizze e culo tute coperte apposta pè non atirare lo sguardo masculino tantè ca peffarle girare si ausava di fare nu sisco cula bocca. Mò la donna nun accammina deritto ma vace dove vole essa, puro senza la borzetta e visti i capilli ca si fanno dal cuoaffè non si capisce si songo masculo o femena.

Ma tene adduoni subbito cuanno le vidi da dereto. Le scarpe di tacco sedice lo fanno apposta di camminare coma si stessero pè cadere e accussì attentano aluomo la quale sarria sembre pronto pè abbrazzarle sembre a findibbene pè nun farle cadere. Ma esse singriccano e allongano il passo sicchè si mete in moto il quarto di dietro diviso in due e accussì ogni pacca si arravoglia e girano tutteddoie come non sera mai visto al rittimo dintringhete entranghete.

Il tutto provocatoriamente à centuato dala moda di metere certi causuni songo belli strinti come cauzetta ma mentre cole cauzette di nailonno si riesce avvedere difetti di vene varicose e di muscolatura da operaia agricola cu queste cazze di cauzette nere si sfila la gamba e locchi cadeno addò si fossero criature tu ci dissi nu bello pacchero ma tavissi permette esse fossero cazze di chiamare polizzia e carbenieri riuniti.

Ecco quelo ca ti volevo dice etti domando attè ma cheste nun songo provocazzione? E perchene i viggili orbani nun ci fanno una multa e immece vaceno a rompucazzo a quele buone donne ca faceno del bene a lumanità specialmente ai vedovi e anziani ca purisso il sindico si putesse fare in santa pace i cazzi suoi.

E questo è il mio penziere col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L’EMIGRANTE