Benevento Calcio, al ''Vigorito'' un mesto addio alla Serie A Sport

Per il Benevento alle 18.00 di oggi sarà un addio alla Serie A, per quanto riguarda le gare casalinghe. Invece, l’ultima giornata, con la gara contro il Chievo, è prevista per domenica 20 maggio sempre con il fischio d’inizio alle 18.00.

Cala, quindi, il sipario sulla “storica” prima stagione della “strega” nella massima serie ed in tanti si chiedono: è un addio o oppure un semplice arrivederci? Si spera che questa seconda ipotesi sia quella giusta, anche se, indubbiamente, in futuro la massima serie dovrà essere affrontata con una mentalità del tutto diversa.

Comunque, oggi non mancherà il “grazie” dei tifosi alla squadra, anche perché forse soltanto il pubblico sannita ha dimostrato di essere veramente da Serie A.

Per la gara contro il Genoa ci sarà ancora il pienone sugli spalti, anche per i prezzi notevolmente ribassati, ed al 90’ ci sarà la festa, al di là di come andranno le cose. Naturalmente si spera in un successo ed in una prestazione di carattere della squadra, dopo la brutta prestazione di  Ferrara di domenica scorsa. Sandro e compagni hanno l’obbligo di chiudere il torneo con la necessaria cattiveria agonistica per rispetto verso i tifosi, che hanno fatto tanti sacrifici e che mai hanno abbandonato la squadra, dimostrando orgoglio e passione. Almeno questo è quasi obbligatorio.

Poi, bisogna considerare che gli attuali 18 punti in classifica sono veramente pochi, e negli ultimi 180 minuti bisogna fare del tutto per evitare quel minimo storico raggiunto in un torneo della massima competizione a 20 squadre. Almeno per questo non vorremmo essere ricordati ed entrare nella storia!

Oggi, quindi, chiusura del torneo per quanto riguarda le gare casalinghe, poi occhi puntati anche sul futuro, anche se si è capito che, forse, bisognerà attendere ancora qualche giorno per conoscere il futuro di De Zerbi. A dire la verità il presidente Vigorito aveva pubblicamente invitato il tecnico a decidere presto, ma evidentemente il tecnico non è stato dello stesso avviso. Comunque, oramai, è veramente questione di giorni per chiudere la telenovela, anche perché si è capito che De Zerbi ha oramai la testa altrove, ed il Benevento ha lanciato l’amo in parecchie direzioni. Sembra che con Juric (al suo attivo una promozione con il Crotone ed una salvezza conquistata con il Genoa) ci sia stato più di un contatto, ma altri nomi importanti circolano.

Tutto questo, però, passa in secondo piano alla vigilia degli ultimi 180’ del torneo.

Per la gara di oggi mister De Zerbi dovrà ancora rinunciare ad un bel po’ di giocatori (Billong, Costa, Djuricic, D’Alessandro, Memushaj, Guilherme, Iemmello, Lombardi) per infortuni o scelte tecniche, ma recupererà Tosca, Cataldi e Brignola. Sono 22 i convocati, tra i quali tantissimi ragazzi delle giovanili. Aggregato anche l’attacante Pinto, oltre ai soliti Sparandeo, Rutjens, Volpicelli e Sanogo.

Certamente ci saranno novità rispetto all’undici sceso in campo contro la Spal, con i rientri di Tosca, Cataldi e Brignola. Naturalmente la squadra verrà schierata con il tradizionale 4-3-3, con Puggioni a guardia della rete, Tosca e Djimsiti centrali, Sagna e Letizia o Venuti sulle fasce. Il centrocampo dovrebbe essere affidato a Sandro, Viola e Cataldi, con Del Pinto pronto ad entrare. Poi, Brignola e Parigini in appoggio Coda o Diabatè.

Qualche assente anche nel Genoa di Ballardini, che non potrà contare sugli squalificati Pandev e Zukamovic, ma ha recuperato il portiere Perin. Non è la prima volta dei “grifoni” a Benevento, dal momento che 16 anni fa, nel 2002, affrontò  nell’allora “Santa Colomba” il Napoli quando i partenopei giocavano a Benevento per l’indisponibilità del “San Paolo”. Allora, il Genoa venne sconfitto dal Napoli per 2-1.

Che la gara di oggi non abbia nessuna importanza per la classifica si capisce anche dal fatto che è stata designata una terna quasi tutta di Serie B. Ad arbitrare sarà il “fischietto” Daniele Chiffi della sezione di Padova, ingegnere giovanissimo, attualmente nella Can di B, ma che già nel prossimo anno dovrebbe essere utilizzato stabilmente nella Can di Serie A. Fino ad ora nella massima serie ha diretto soltanto 8 gare, con 2 successi delle compagini di casa, 2 pareggi ed 1 exploit esterno, 3 espulsi e nessun rigore concesso. In totale nella sua carriera, tra A, B e Lega Pro, ha diretto 135 gare, con 57 successi interni, 52 pareggi e 19 successi delle compagini in trasferta, 28 rigori successi e 36 espulsi. A coadiuvare con Chiffi sono stati designati come assistenti di linea Michele Lombardi di Brescia ed Alessandro Cipressa di Lecce, IV uomo Lorenzo Illuzzi di Molfetta, addetti al Var Fabio Maresca di Napoli e Pasquale De Meo di Foggia.

Sono cinque i precedenti del direttore di gara di Padova con il Benevento, con una sola vittoria (Avellino - Benevento 0-2), un pareggio (Frosinone - Benevento 0-0), e tre sconfitte (Pisa - Benevento 2-0), (Entella - Benevento 2-2), (Perugia - Benevento 3-1). Un solo precedente con il Genoa (Genoa - Torino 0-0 nel 2015).

A questo punto non resta che sperare che l’addio alla Serie A sia veramente una festa.

Ecco le gare di questa penultima giornata di campionato:

▪ Benevento - Genoa sabato 12 ore 18.00 (Chiffi - Lombardi - Cipressa - Illuzzi - Var Maresca e De Meo).

▪ Inter - Sassuolo sabato 12 ore 20.45 (Abisso - Del Giovane - Prenna - La Penna - Var Di Bello e Crispo)

▪ Bologna - Chievo domenica 13 ore 15.00 (Pairetto - Posado - Santoro - Fourneau - Var Pasqua e Tolfo)

▪ Crotone - Lazio domenica 13 ore 15.00 (Mazzoleni - Vuoto - Peretti - Abbattista - Var Banti e Schenone)

▪ Fiorentina - Cahliari domenica 13 ore 15.00 (Valei - Tonolini - Paganessi - Manganiello - Var Irrati e  Dobosz)

▪ Hellas Verona - Udinese domenica 13 ore 15.00 (Calvarese - Tasso - Ranghetti - Serra - Var Doveri e  Mondin)

▪ Torino - Spal domenica 13 ore 15.00 (Mariani - Bindoni - Di Vuolo - Sacchi - Var Damato e Di Iorio)

▪ Atalanta - Milan domenica 13 ore 18.00 (Guida - Carbone - Fiorito - Ghersini - Var Fabbri e Giallatini)

▪ Roma - Juventus domenica 13 ore 20.45 (Tagliavento - Passeri - Costanzo - Rocchi - Var Giacomelli e  Valeriani)

▪ Sampdoria - Napoli domenica 13 ore 20.45 (Gavillucci - Tegoni - Marrazzo - Giuia - Var Massa e Alassio)

GINO PESCITELLI