Calcio Serie A: i giallorossi regaleranno una Pasqua felice ai propri tifosi? Sport

I giallorossi di De Zerbi oggi (fischio d’inizio alle 15.00) affronteranno all’Olimpico la Lazio di Simone Inzaghi cercando di sfruttare una tradizione positiva che poche volte li ha visti sconfitti alla vigilia di Pasqua. Ancora oggi certamente dispiace lo 0-1 subito il 17 aprile dello scorso anno proprio alla vigilia di Pasqua a Brescia causato da una sfortunata autorete di capitan Lucioni, a cui bisogna aggiungere lo 0-1 di Lecce nella Lega Pro 2014/2015, ma, del resto, in altre dieci occasioni i sanniti sono sempre andati a punti regalando ai tifosi delle Pasque felici. L’ultima vittoria in un turno pasquale è il blitz contro la Juve Stabia del 23 marzo 2016.

Questa volta, però, sarà difficilissimo (occorrerà quasi un miracolo!) continuare questa tradizione positiva, se si pensa che i giallorossi dovranno affrontare una Lazio che occupa le prime posizioni della classifica, e che puntano alla senza termini alla zona Champions. Insomma anche questa volta sarà quasi Davide contro Golia, se diamo uno sguardo alla classifica ed alle motivazioni della Lazio di Inzaghi, che sul terreno dell’Olimpico lascia sempre pochissimo agli avversari.

La gara di questo pomeriggio darà inizio ad una settimana veramente cruciale per Sandro e compagni. Infatti, dopo aver affrontato la Lazio, mercoledì alle 17.00 nuovamente in campo per il recupero al “Vigorito” della gara contro l’Hellas Verona (di notevole importanza per la classifica), poi domenica 8 (inizio alle 15.00) nel capoluogo sarà di scena addirittura la capolista Juventus di Allegri, con un “Vigorito” al limite della capienza e stracolmo per il quale da giorni c’è già il sold out, com’era prevedibile, nonostante i biglietti siano stati messi in vendita con molto anticipo. Insomma, nessuno vuol perdersi la sfida con i pluricampioni d’Italia!

Nella conferenza stampa pre-partita De Zerbi ha detto con chiarezza che il Benevento non andrà a Roma per fare una passeggiata, ma per giocare al meglio contro una grande squadra, e che in campo sarebbero scesi solo giocatori motivati e pronti. Purtroppo, però, l’allenatore giallorosso dovrà rinunciare a cinque giocatori importanti (Sagna, Memushaj, Viola, Diabatè, Perugini), e nell’elenco dei convocati vi sono due giovanissimi (Volpicelli e Rutjens) per completare la “rosa” da portare in romitaggio a Roma. A ciò dobbiamo aggiungere il fatto che non tutti i convocati sono in buone condizioni fisiche, poi ci sono quelli impegnati con le rispettive nazionali che soltanto da pochi giorni sono tornati in gruppo; e ancora che le tre gare ravvicinate contro Lazio, Hellas Verona e Juventus in una settimana obbligano ad un turnover necessario, infatti Tosca e Sandro potrebbero oggi scendere in campo per poi saltare la gara di mercoledì contro l’Hellas Verona.

Per la gara dell’Olimpico formazione quasi fatta con il tradizionale 4-3-2-1. Naturalmente in porta ci sarà Puggioni (con l’incubo delle sette reti subite all’Olimpico con la maglia della Sampdoria), poi difesa a quattro con Tosca e Djimsiti centrali e Venuti e Letizia sulle fasce, quindi centrocampo affidato a Cataldi (uno dei due ex l’altro è D’Alessandro), Sandro e Djuricic, con Del Pinto che dovrebbe partire dalla panchina. Per il resto dal primo minuto dovrebbero scendere in campo  Brignola e D’Alessandro (finalmente guarito) con la novità Iemmello unica punta. Questa volta  Guilherme e Coda dovrebbero partire dalla panchina.

Anche per quanto la Lazio molti dubbi per Inzaghi con tanti giocatori in non perfette condizioni fisiche, ma non dobbiamo dimenticare che i biancoazzurri hanno un vero e proprio attacco mitraglia, con un certo Immobile capocannoniere del torneo, che non certo farà dormire sogni tranquilli alla difesa del Benevento, la peggiore del torneo.

A dirigere la gara è stato sceltoo Giampaolo Calvarese di Teramo, 42 anni, alla sua decima stagione nella Can di A e B. Il “fischietto” di Teramo ha già incontrato quest’anno il Benevento nella gara persa contro il Bologna al “Vigorito” per 0-1. A tal riguardo c’è da ricordare un episodio: nell’ultimo quarto d’ora Calvarese si infortunò, venne sostituito dal IV uomo Chiffi, e nel recupero il Benevento si vide annullare il pareggio messo a segno da Lucioni dopo l’intervento del VAR.

Tre altri precedenti con il Benevento per Calvarese con una vittoria (Nicottaro - Benevento 0-2), un pareggio (Ancona - Benevento 1-1) ed una sconfitta (Sansovino - Benevento 2-0). Sono state 100 le gare dirette da Calvarese in serie A, con 54 vittorie delle squadre di casa, 23 pareggi ed altrettanti successi delle squadre in trasferta, 25 rigori concessi e 31 espulsi. In totale 267 le gare dirette con 142 successi delle squadre di casa, 74 pareggi e 51 successi esterni, 80 rigori concessi e 97 espulsi. Col la Lazio ha uno score di 10 vittorie, 2 pareggi ed una sconfitta. Gli assistenti saranno Mauro Vivenzi di Brescia e  Gianbattista Tasso di La Spezia, IV uomo Marco Piccinini di Forlì, addetti al VAR Rodolfo di Ruolo di Castellamare di Stabia e Gianluca Manganiello di Pinerolo.

Ecco le gare della trentesima giornata che si disputeranno tutte oggi sabato 31 marzo:

▪ Atalanta - Udinese ore 15 (Pairetto - Tonolini - Di Liberatore - Minelli - VAR Abisso e Preti)

▪ Bologna - Roma ore 12.30 (Irrati - Carbone - Schenone - Serra - VAR Tagliavento e Costanzo)

▪ Cagliari - Torino ore 15.00 (La Penna - Crispo - Marrazzo - Di Paolo - VAR Pasqua e Dobosz)

▪ Chievo - Sampdoria  ore 18.00 (Orsato - Di Fiore - Manganelli - Chiffi - VAR Di Bello e Valeriani)

▪ Fiorentina - Crotone ore 15.00 (Valeri - Bottegoni - Santoro - Ghersini - VAR Doveri e Passeri)

▪ Genoa - Spal ore 15.00 (Giacomelli - Posado - Longo - Marini - VAR Mariani e Guia)

▪ Inter - Hella Verona ore 15.00 (Rocchi - Lo Cicero - Liberti - Aureliano - VAR Guida e Fourneau)

▪ Juventus - Milan ore 20.45 (Mazzoleni - Giallatini - Paganessi - Damato - VAR Massa e Meli

▪ Lazio - Benevento ore 15.00 (Calvarese - Vivenzi - Tasso - Piccinini - VAR Manganiello e Di Vuolo)

▪ Sassuolo - Napoli ore 18.00 (Fabbri - Alassio - Del Giovane - Gavillucci -VAR Banti e Tegoni).

GINO PESCITELLI