Calcio Serie B: è sfida tra le città del torrone e il Benevento non può perderla Sport

Quella di questo pomeriggio, inizio alle 15.00, tra la Cremonese ed il Benevento è certamente una sfida dal sapore dolce, tra le squadre che rappresentano due città dove il torrone rappresenta uno dei simboli più importanti, soprattutto nel periodo natalizio.

Ed è una sfida importante soprattutto per i giallorossi sanniti, che, dopo la brutta figura di lunedì scorso a Livorno, questa volta hanno assoluto bisogno di rifarsi, per cancellare una serata in cui tutto è andata tremendamente male. Da vedere, però, se nel ritiro di Coverciano Bucchi è riuscito a far cancellare dalla memoria ai giocatori la pessima esperienza di Livorno. La risposta l’avremo soltanto questo pomeriggio.

Intanto c’è da dire che l’appuntamento non si presenta certamente facile, soprattutto se diamo uno sguardo ai numeri della squadra grigiorossa di Rastelli, che ha tra i protagonisti l’ex giallorosso Carretta. Soltanto tre i precedenti tra le due squadre con una sconfitta dei giallorossi allo “Zini” per 1-0 nella stagione 2009/2010, poi ancora una sconfitta, questa volta casalinga, per 1-3 della “Strega”, infine l’unica vittoria dei giallorossi per 1-0, con rete di Coda, nel girone di andata in questa stagione. Poi qualche altra considerazione. Appartiene alla Cremonese la terza migliore difesa del torneo con 25 reti subite, anche se alla “difesa armadio” bisogna aggiungere un attacco tra i più sterili con appena 22 gol messi a segno. Allo “Zini” la Cremonese ha incassato appena 5 reti in questo torneo (soltanto la Juve Stabia ha fatto meglio nei campionati professionisti italiani), ma gli attaccanti non vanno a segno da ben 470 minuti. E questo pomeriggio Rastelli non potrà contare sugli attaccanti Longo e Montalto, riponendo tutto sulla coppia Strizzolo - Piccolo nel 5-3-2 che l’allenatore quasi sempre utilizza. Inoltre la Cremonese è reduce da tre sconfitte di fila ed ha conquistato un solo punto nelle ultime cinque gara (l’ultima vittoria risale al 26 gennaio, ottenuta addirittura contro il Palermo.

Sono numeri, quelli della Cremonese, che assolutamente non devono far dormire sonni tranquilli al Benevento, che deve scendere in campo con una mentalità ed una concentrazione diversa da quella messa in mostra nella pessima serata di Livorno. Insomma, ci vorrà in campo una squadra diversa, che dovrà dimostrare che a Livorno si è trattato di una serata storta un po’ per tutti.

E certamente ci saranno tanti cambi rispetto all’undici di lunedì scorso.

Innanzitutto, naturalmente, mancheranno gli squalificati Maggio e Viola, per cui la difesa a tre dovrebbe essere formata da Antei, Tuia e Caldirola, mentre sulle fasce è previsto il rientro di Improta, che farà coppia con Letizia. A guardia della rete sarà riconfermato Montipò, che dovrà dimostrare di aver dimenticato la serata nera di Livorno. Per quanto riguarda il centrocampo ci dovrebbe essere la “staffetta” Tello - Bandinelli, mentre l’altro grande dubbio riguarda la scelta tra Viola e Crisetig. Difficile che il tecnico decida di utilizzarli insieme dal primo minuto, anche se in settimana a Coverciano spesso sono stati visti insieme. Come terzo centrocampista dovrebbe essere riconfermato Buonaiuto, anche se non attraversa un buon momento, a meno che Bucchi non decida di affidarsi all’esperienza di Del Pinto. In attacco dovrebbero essere confermati Insigne e Coda, l’unico giallorosso che in passato ha vestito la casacca dei grigiorossi. Coda nella Cremonese ha vissuto tre annate molto importanti, con 80 partite ufficiali disputate e 24 reti messe a segno. E l’attuale capocannoniere giallorosso dovrebbe essere uno dei protagonisti della gara di questo pomeriggio, questa volta con la maglia della “Strega”.

La gara è stata affidata al romano Francesco Fourneau, che si avvarrà della collaborazione degli assistenti Pasquale Capaldo di Napoli e Giovanni Bacchni di Conegliano IV uomo Giuseppe Repace di Perugia. Impiegato, 35 anni, l’arbitro romano ha esordito in Serie A proprio con il Benevento, fischiando al “Vigorito” nella scorsa stagione Benevento - Chievo con la storica prima vittoria dei giallorossi in Serie A. L’altro precedente con il Benevento è rappresentato dalla sconfitta a Melfi per 3-0 nel 2015. Tre i precedenti con la Cremonese con una vittoria e due pareggi. Oltre a Benevento - Chievo il rimano Forneau ha diretto un’altra gara nella massima serie conclusasi con un pareggio. Sono state, invece, 26 le gare dirette tra i cadetti, con 11 vittorie interne, 9 pareggi e 6 blitz esterni, 5 rigori concessi e 7 espulsi. In totale 75 le gare dirette in carriera con 37 vittorie delle compagini di casa, 18 pareggi, 20 vittorie esterne, 27 rigori concessi e 33 espulsi.

Ecco il programma di questa 28esima giornata:

Perugia - Verona 1-2

Cittadella - Pescara 4-1

Cosenza - Brescia 2-3

Lecce - Foggia 1-0

Spezia - Padova 0-2

Ascoli - Livorno domenica 10 ore 15.00 (Serra - Vecchi - Rossi - Cipriani)

Cremonese - Benevento domenica 10 ore 15.00 (Forneau - Capaldo - Bacchini - Repace)

Salernitana - Crotone domenica 10 ore 21.00 (Volpi - Grossi - Luciano - Baroni)

Venezia - Palermo lunedì 11 ore 21.00 (Ros - Pagliardini - Lobrado - Amabile)

Riposa Carpi

Dopo le gara di venerdì e sabato si parte con questa classifica:

Brescia 50

Palermo 45

Verona 45

Pescara 44

Lecce 44

Benevento 43

Cittadella 39

Perugia 38

Spezia 37

Salernitana 34

Cosenza 33

Ascoli 30

Cremonese 27

Foggia (-6) 26

Venezia 26

Livorno 26

Crotone 23

Carpi 22

Padova 22

Lecce ed Ascoli una gara in meno

GINO PESCITELLI