Calcio Serie B: il Benevento a Venezia per una trasferta insidiosa Sport

Dopo che finalmente il report di Serie B in modo definitivo è diventato a 19 squadre ed è giunta la parola fine dalla giunta del CONI alle tante querelle di questa estate (anche se alcune squadre già si sono rivolte al TAR), il torneo cadetto può riprendere con più fiducia.

E per il Benevento di Bucchi subito un anticipo della terza giornata questa sera a Venezia, con fischio d’inizio alle 21.00 e trasmissione della gara in diretta su Rai Sport canale 57). Una  trasferta inedita per la “Strega” dal momento che in passato le due squadre non si sono mai incontrate. E nello stesso tempo una trasferta molto insidiosa, se consideriamo che lo stadio “Penzo” di Venezia è situato su un isolotto, “L’isola di Sant’Elena”, raggiungibile dopo circa 40 minuti di navigazione, da effettuare prima della gara dal momento che in zona non vi sono alberghi. E questo potrebbe rappresentare un bel problema, come ha tenuto a sottolineare anche l’allenatore giallorosso nella conferenza stampa pre- gara. A ciò dobbiamo aggiungere che si giocherà in un campo piccolo, che sarà certamente riempito dal tifosi di casa, mentre non saranno molti i beneventani presenti.

Insomma, una sfida dalle mille insidie, da affrontare con la giusta concentrazione e mentalità.

Per Bucchi certamente qualche problema se si considerano le due settimane di sosta, anche se ha tenuto la squadra sotto pressione con l’amichevole, vinta, contro la Roma, da cui ha avuto delle buone risposte.

A ciò dobbiamo aggiungere che l’allenatore dovrà praticamente inventarsi la difesa, dal momento che i centrali Costa e Tuia non sono stati neanche convocati (come pure Bukata e Filogamo) ed Antei non ha ancora i 90’ minuti nelle gambe, dopo il lungo e serio infortunio. Così, il reparto centrale dovrebbe essere formato da Volta e Billong, anche se il tecnico  potrebbe fare un pensierino su Sparandeo già schierato contro la Roma. Naturalmente a guardia della rete ci sarà Puggioni (Gori, ex della giornata partirà dalla panchina), mentre sulle fasce c’è il dubbio di Maggio, in non buone condizioni fisiche, che potrebbe essere sostituito da Gyamfi, come già contro la Roma, mentre sulla fascia sinistra la maglia se la contendono Di Chiara e Letizia. Per quanto riguarda il centrocampo tutto è legato a Nocerino, e soltanto all’ultimo momento Bucchi deciderà se farlo scendere in campo oppure portarlo in panchina. Qualora decidesse di non schieralo dal primo minuto pronti Bandinelli o Del Pinto. Per il resto il reparto sarà completato con Viola e Tello.

Problemi di abbondanza e di scelte per quanto riguarda il reparto avanzato. Le tre maglie se le contendono  Coda, Asencio, Insigne, Improta, Ricci e Bonaiuto ed è difficile capire cosa deciderà l’allenatore, che nel corso della gara potrà apportare molte variazioni, avendo problemi di abbondanza, il che non dispiace. Bisogna anche considerare che dopo la gara di questa sera un vero e proprio tour de force attende il Benevento, con quattro gare in sedici giorni. 

Dopo Venezia, venerdì prossimo al “Vigorito” ci sarà l’atteso derby con la Salernitana (sempre alle 21.00), poi il martedì successivo infrasettimanale a Cittadella, infine il Foggia che giungerà nel Sannio il 30 settembre per un’altra notturna. Questo per dire che l’abbondanza non preoccupa, anzi si spera di poter recuperare anche Costa e Tuia.

Per quanto riguarda il Venezia di Stefano Vecchi tanti problemi di formazione, con assenze ma anche qualche recupero importante. Insomma una squadra da affrontare con le molle, anche per l’ambiente che il Benevento troverà.

E’ stato designato Gianluca Aureliano di Bologna per fischiare la  gara di questa sera. Un vecchia conoscenza dei giallorossi che ha ben dieci precedenti con la “Strega” con tre vittorie (contro Carpi, Carrarese e Ternana), tre pareggi (contro Frosinone, Latina e Perugia) e quattro sconfitte (Barletta, Tritium, Viareggio ed Udinese la scorsa stagione in A). Il direttore di gara bolognese ha diretto 6 gare in A (tre vittorie delle squadre di casa, un pareggio e due vittorie delle compagini in trasferta, un rigore concesso e 2 espulsioni) ed 87 in B (37 successi delle squadre di casa, 31 pareggi e 19 successi delle compagini in trasferta, 49 rigori concessi e 41 espulsi). In totale 183 le partite dirette, con  82 successi delle squadre di casa, 62 pareggi e soltanto 39 successi esterni. Sono stati 87 i rigori concessi e ben 107 gli espulsi, a dimostrazione del fatto che si tratta di un arbitro che detesta il gioco duro, ed anche su questo i giocatori del Benevento dovranno fare molta attenzione. Soltanto due i precedenti con il Venezia con una vittoria ed una sconfitta.

Come segnalinee sono stati designati Giovanni Sechi di Sassari e  Marcello Rossi di Novara IV uomo Stefano Lorenzin di Castelfranco Veneto.

Ecco il programma di questa terza giornata:

▪ Venezia - Benevento venerdì 14 ore 21.00 (Aureliano - Sechi - Rossi - Lorenzin)

▪ Ascoli - Lecce sabato 15 ore 15.00 (Rapuano - Cangiano - Schieru - Marchetti)

▪ Brescia - Pescara sabato 15 alle ore 18.00 (Serra - Baccini - Capone - Gualtieri)

▪ Cittadella - Cosenza  sabato 15 ore 15.00 (Marini - Bremes - Muto - Donda)

▪ Cremonese - Spezia domenica  16 ore 15.00 (Giuia - Rubilotto - Bercigli - Maggioni)

▪ Foggia - Palermo  domenica 16 ore 21.00 (Marinelli - Cipressa - Ragnola - Fourlan)

▪ H. Verona - Carpi domenica 16 ore 21.00 (Volpi - Lanotte - Rossi - Illuzzi)

▪ Salernitana - Padova  domenica 16 ore 21.00 (Di Paolo - Vecchi - Margani - Dionisi)

▪ Livorno - Crotone lunedì 17 ore 21.00 (Piccinini - Capaldo - Dei Giudici -  Maraviglia)

Riposa  Perugia.

GINO PESCITELLI