Pallavolo femminile Serie C, la Contrader Volare strapazza il Volla e rosicchia un punto alla capolista Pontecagnano Sport

Si fa sempre più ricca di soddisfazioni la stagione della Contrader Volare Benevento. La formazione giallorossa di pallavolo femminile, infatti, dopo il riposo forzato della scorsa settimana, ha ripreso con grande lena il proprio cammino nel torneo di Serie C battendo con un secco 3-0 il Volley Volla. Un successo che fa il seguito a quello bello e sofferto ottenuto in Coppa Campania fuori casa a Pomigliano d’Arco contro il Volley Ball 70.

Una partita che, seppur è stata vinta per 0-3 (29-31, 23-25, 28-30), è stata tirata e combattuta ed ha consentito alle ragazze di coach Francesco Franzese di chiudere al primo posto il girone e di accedere alla Final Four insieme con Potecagnano, Molinari Ponticelli e Pozzuoli. Compagine puteolana che, giunta seconda nell'altro raggruppamento, sarà il prossimo avversario della Volare nella semifinale. Si è in attesa di conoscere, da parte del Comitato Regionale della Fipav, la sede in cui verranno giocate queste partite e, soprattutto, la data.

Tornando al campionato, la sfida con il Volla è stata a senso unico con la Contrader Volare che ha dominato i primi due set, cedendo un po’ il fianco nell’ultimo parziale dove, vuoi per la stanchezza della gara di Coppa vuoi per qualche distrazione di troppo, ha regalato qualche punto alle avversarie tenendole in gioco per tutta la durata del game che è stato, però, alla fine vinto. Una successo importante che consente alla Volare di rosicchiare una lunghezza alla capolista Pontecagnano che ha avuto la meglio sul Pozzuoli solo al tie-break.

Con ancora Viscardi in panchina solo per onore di firma, Franzese ha schierato Madona Ulaj e Agnese Iodice come schiacciatrici, Neide Pereira e Valentina Curtis centrali, Denis Ndriollari palleggiatrice, Daniela Foniciello opposto e Martina Pisano libero. Sono, quindi, entrate anche le schiacciatrici Lara D’Ambrosio e Roberta Bovio, la palleggiatrice Roberta Mercurio, l’opposto Maria Lorusso e l'altro libero Giorgia Formato.

Il racconto della partita ha visto i primi due game avere una storia quasi simile con il Volla che ha retto alla forza degli avversari solo per le prime battute salvo poi crollare di brutto davanti agli attacchi della Contrader.  A ritmo serrato, le padrone di casa hanno chiuso il primo parziale sul 25-10, ripetendosi poi nel secondo sul 25-16. Nel terzo, come detto, le locali hanno accusato qualche giro a vuoto, soprattutto nella parte finale del set quando, in vantaggio per 20-13 si sono fatte quasi raggiungere sul 22-21. Il maggiore tasso tecnico, qualche rimbrotto di Franzese dalla panchina ha poi permesso di chiudere il gioco e la partita sul 25-23.

Un piccolo neo in una prestazione ottima che fa il paio con quella di Coppa che conferma la Contrader Volare tra le protagoniste di questa stagione. E’ una delle più piccole del gruppo, però la grinta non manca a Giorgia Formato che nella partita contro il Volla ha raccolto una nuova presenza in campionato, utile per crescere e migliorarsi in quella che si spera possa essere una carriera luminosa.

“Sono contenta - ha detto - delle possibilità che il mister mi concede di poter scendere in campo. Sto facendo bene e sto notando dei miglioramenti e di questo sono felice. Sto acquisendo sempre più consapevolezza nei miei mezzi e di questo devo ringraziare anche le mie compagne che mi stanno aiutando non facendo pesare qualche errore che ancora compio in partita. Mi trovo bene con l’allenatore di cui seguo tutti i consigli e i suggerimenti che mi dà sia in gara che negli allenamenti durante la settimana. Sulla sfida posso dire che, mentre nei primi due set abbiamo dominato, nel terzo ci siamo rilassate un po' troppo e di questo ne abbiamo parlato anche negli spogliatoi. Sull’incontro di Coppa, invece, anche se non ho giocato, ho visto che è stata un’autentica battaglia con le mie compagne che hanno lottato alla grande anche se pure lì abbiamo avuto dei black-out mentali che hanno permesso all’avversario di rientrare. Alla fine, comunque, quello che conta è la vittoria e l’aver avuto accesso alla final-four che, sono sicura, sarà un’esperienza fantastica e avvincente per tutte noi”.