A Montesarchio la sicurezza è un optional Cronaca

Montesarchio vive ormai una fase di stallo, risultato che secondo il parere di tanti cittadini, l’amministrazione ha prodotto in sei anni di attività.

Ormai la maggior parte delle persone è rassegnata e non è ascoltata quando chiede agli amministratori maggiori garanzie sulla sicurezza, che negli ultimi mesi ha rivelato tutte le sue carenze a causa di continui furti effettuati in molte abitazioni localizzate in varie zone del paese.

Più volte, inoltre, ci è stato segnalato da parte dei cittadini lo stato di precarietà della segnaletica stradale, ma pare che, nonostante i proclami di amministratori relativi ad iniziative imminenti su tutta la viabilità, ed in particolare sulla sicurezza dei pedoni, nulla è cambiato e le condizioni delle strade sono peggiorate sia per quanto riguarda la segnaletica verticale disposta in maniera disordinata e spesso anche di intralcio ai pedoni, sia per le strisce pedonali ormai inesistenti per cui gli automobilisti non si fermano e, sia per la scarsa illuminazione che in molte strade centrali del paese, è insufficiente come ad esempio via Cervinara, via Donisi e le varie traverse che la intersecano, via San Martino, via Lavinia e altre zone densamente abitate e interessate, in particolare quest’ultima, da un intenso traffico. A tutto ciò si aggiunge anche una totale assenza di manutenzione di ciò che rappresenta l’arredo urbano come i paletti dissuasori che sono posizionati ai bordi dei marciapiedi per evitare soste selvagge di autoveicoli.

E proprio in merito all’arredo urbano non esiste un ordine nella scelta di alcuni accessori come gli stessi paletti. Infatti, proprio di recente l’amministrazione comunale ha apposto nuovi paletti su un marciapiede laterale alla traversa che da via San Martino conduce in Via Benevento, che risultano di caratteristiche e tipologie completamente diverse da quelli esistenti, che sono esteticamente dignitosi e creano sicuramente un effetto ben diverso da paletti in ferro colorati con strisce a zebra bianco e rosso.

La mancanza di manutenzione e sicurezza, non è solo per i pedoni, ma anche per gli automobilisti che tra buche e chiusini sfondati, di notte corrono il rischio di seri danni alle proprie auto. Giusto in questi giorni, moltissimi cittadini hanno segnalato che sulla strada Via Costantino Grillo, da oltre una settimana, senza alcun immediato intervento di riparazione, esiste al centro della strada un tombino fognario sfondato non visibile di notte perché privo di segnalatore luminoso, che rappresenta un pericolo per gli automobilisti. E, se i cittadini non possono sperare nemmeno che una amministrazione possa risolvere problemi di piccola entità, come possono pensare ad un cammino più prestigioso per un paese che ha tante potenzialità ma che non trova negli amministratori interesse per migliorare le condizioni oggettivamente necessarie.

Un esempio può essere anche lo stato di inesistente manutenzione che Orazio Gerardo capogruppo consiliare di opposizione del MS5, ha segnalato per le strutture scolastiche di competenza dell’amministrazione, come per la scuola Media Ilaria Alpi di Via Vitulano che è interessata da inconvenienti che ne pregiudicano l’agibilità di alcune parti di essa, come ad esempio soffitti con caduta di intonaco, causata da infiltrazioni dal tetto che è stato riparato con pannelli mal fermati e che quando c’è vento e maltempo cadono negli spazi antistanti la scuola.

LUCIA DE NISI