Cinghiale abbattuto illegalmente nel capoluogo sannita. Denunciato cacciatore dell'hinterland napoletano Cronaca

Ieri, mercoledì 2 settembre 2020, giorno di preapertura della caccia ad alcune specie, la Stazione Carabinieri Forestale di Benevento ha effettuato numerosi controlli venatori.

Nel corso di tale attività, anche a seguito della segnalazione effettuata alla Centrale Operativa 112 di Benevento dalle guardie volontarie venatorie dell’Associazione Nazionale Libera Caccia, i militari della Stazione di Benevento sono intervenuti presso la località Pietratagliata del capoluogo sannita. Qui, unitamente ai predetti volontari, i militari hanno avuto modo di acclarare la commissione del reato di esercizio di caccia al riguardo di fauna selvatica al di fuori dei periodi stabiliti dal calendario venatorio, nella fattispecie un cinghiale, ai sensi degli artt. 18 e 30 comma 1 legge 157/92.

Il responsabile del reato, residente nell’hinterland napoletano, è stato deferito alla competente Autorità Giudiziaria in stato di libertà, mentre il fucile utilizzato, le numerose cartucce detenute e la carcassa dell’animale che era stata già eviscerata in loco al momento dell’abbattimento, sono stati sottoposti a sequestro penale probatorio.

I militari, come di prassi, hanno successivamente coinvolto negli accertamenti i veterinari dell’ASL di Benevento, i quali hanno proceduto agli accertamenti di rito tesi alla verifica di eventuali patologie dell’animale.

La carcassa del cinghiale, infine, è stata affidata ad una ditta autorizzata per il successivo smaltimento tramite distruzione.

Le attività di contrasto alle pratiche venatorie illegali saranno oggetto di ulteriori servizi mirati da parte dei militari dei Carabinieri Forestale, sia in occasione delle imminenti ulteriori giornate di preapertura, sia durante il periodo di apertura della caccia.