E' accusato di maltrattamenti aggravati in famiglia. Finisce in carcere pregiudicato 51enne di Pannarano Cronaca

A seguito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Benevento, i carabinieri della compagnia di Montesarchio hanno dato esecuzione a un ordinanza, emessa dal Gip presso il Tribunale di Benevento, di applicazione di misura cautelare della custodia in carcere a carico di un pregiudicato 51enne di Pannarano in quanto gravemente indiziato dei reati di maltrattamenti aggravati in famiglia e lesioni personali aggravate.

La misura coercitiva scaturisce dall’attività posta in essere dai militari di Montesarchio che hanno acquisito univoci elementi di colpevolezza nei confronti dell’indagato il quale, dal mese di febbraio 2018, con condotta perdurante, aveva maltrattato la compagna convivente mediante una quotidiana condotta violenta consistita in ingiurie, percosse con pugni e calci e minacce di morte, sotto l’influenza di sostanze alcoliche e alla presenza del figlio minore. Inoltre è stato accertato che in una occasione, nel dicembre del 2018, il reo aveva cagionato alla vittima lesioni personali guaribili in 10 giorni per “ematomi al cuoio capelluto e ferite multiple alla mano destra” mentre al figlio minore lesioni giudicate guaribili in 5 giorni per “ematoma in regione fronto-parietale sinistra”.

Il Gip, condividendo la valutazione prospettata dal P.M., ha ritenuto che sussistono le esigenze cautelari poiché l’arroganza, l’aggressività, l’indole violenta e l’assenza totale di capacità di autocontrollo da parte dell’indagato in occasione dei fatti causa, anche alla presenza della PG procedente, sono tali da far ritenere pressoché certo che lo stesso possa commettere altri reati della stessa specie di quelli per i quali si procede, con conseguente aggravamento della situazione.

L’uomo, dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Benevento a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.