Le nuove misure di contenimento del contagio da Coronavirus fino al prossimo 3 aprile Cronaca

La situazione epidemiologica legata alla diffusione del COVID-19 rende assolutamente necessario il rigoroso rispetto delle norme dettate dalle vigenti disposizioni normative.

In particolare, da ultimo, il D.P.C.M. dell’8 marzo 2020 ha imposto, quale misura di contenimento del contagio dal virus, di evitare ogni spostamento in entrata e uscita dall’intera regione Lombardia e dalle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia.

In attuazione delle relative disposizioni, con ordinanza n. 8 in data odierna il presidente della Regione Campania ha fatto a tutti gli individui che hanno fatto o faranno ingresso in regione dalla data del 7 marzo e fino al prossimo 3 aprile provenienti dalle zone individuate dal citato D.P.C.M.:

di darne immediata comunicazione al Comune, al proprio medico di medicina generale nonché, se del caso, al pediatra di libera scelta, e al Dipartimento di Prevenzione della ASL che, per questa provincia, può essere contattato all’indirizzo di posta elettronica dp.sep@aslbenevento1.it ovvero ai numeri telefonici 0824.308360 /308367;

di osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario, mantenendo lo stato di isolamento per 14 giorni dall’arrivo con divieto di contatti sociali;

di osservare il divieto di spostamenti e viaggi;

di rimanere raggiungibile per ogni eventuale attività di sorveglianza;

di avvertire immediatamente, in caso di comparsa di sintomi, il medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta o il Dipartimento di Prevenzione per ogni conseguente determinazione.

Nel fare appello al senso di responsabilità a tenere condotte improntate a prudenza e cautela, si rammenta che tutta la popolazione dovrà continuare ad attenersi alle seguenti misure di prevenzione igienico sanitarie:

a) Lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;

b) Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;

c) Evitare abbracci e strette di mano;

d) Mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro;

e) Igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);

f) Evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l’attività sportiva;

g) Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;

h) Coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;

i) Non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;

j) Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;

k) Usare la mascherina solo se si sospetta di essere ammalati o se si presta assistenza a persone malate.