Succede alle Poste di Benevento. PagoPA, questo sconosciuto Cronaca

Benevento pare ancora arrancare per quanto concerne le nuove tecnologie disponibili al servizio del cittadino. Prendiamo ad esempio pagoPA, il sistema di pagamenti elettronici realizzato per rendere più semplice, sicuro e trasparente qualsiasi pagamento verso la pubblica amministrazione. Diciamo subito che pagoPA non è un sito dove pagare, ma una nuova modalità per eseguire presso i Prestatori di servizi di pagamento (Psp) aderenti i pagamenti verso la pubblica amministrazione in modalità standardizzata. I pagamenti possono essere effettuati in modo diretto sul sito o sull’app dell’ente (per esempio, il proprio comune) o attraverso i canali, on line e fisici, di banche e altri Prestatori di servizi di pagamento (Psp) quali le agenzie della propria banca, gli sportelli Atm, i punti vendita di Sisal, Lottomatica e presso tutti gli uffici postali.

Con pagoPA si possono pagare tributi, tasse, utenze, rette, quote associative, bolli e qualsiasi altro tipo di pagamento verso le pubbliche amministrazioni centrali e locali, ma anche verso le aziende a partecipazione pubblica, le scuole, le università, le Asl. Il sistema pagoPA è stato realizzato dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID).

Purtroppo per molti cittadini non è stato possibile effettuare versamenti con pagoPA presso un ufficio postale di Benevento centro e la cosa che più sconcerta è stato l’invito degli impiegati postali di rivolgersi dai tabaccai. Fortuna che a pochi metri di distanza in linea d’aria si trovava una banca che non ha avuto difficoltà alcuna a risolvere l’affannosa ricerca dei poveri clienti.

Pagare con il sistema elettronico è oltremodo semplice e comodo. È sufficiente scegliere uno dei tanti prestatori del servizio di pagamento menzionati. Tra i tanti vantaggi di cui si può godere attraverso questo innovativo sistema di pagamento vi è la possibilità di conoscere preventivamente il costo dell’operazione da effettuare, al contempo ricevendo un’ulteriore garanzia dell’importo da versare. Una volta portate a termine le operazioni di pagamento, il contribuente riceve una ricevuta che ha valore liberatorio, potendo essere usata come attestazione dell’avvenuto versamento.

Numerosi poi i vantaggi a favore degli enti beneficiari dei pagamenti, a iniziare dal maggiore margine di sicurezza e affidabilità nei versamenti. La flessibilità nella scelta della modalità di pagamento si accompagna a una maggiore semplicità dei processi di gestione e a un’importante trasparenza nei costi di commissione. Le pubbliche amministrazioni in particolare possono avvalersi di una riduzione delle spese dei processi interni in virtù della standardizzazione e della digitalizzazione dei servizi.

GIANCARLO SCARAMUZZO

giancarloscaramuzzo@libero.it