Consumi, Coldiretti: in Gazzetta lo stop a speculazioni sul cibo Economia

Arriva lo stop alle speculazioni sul cibo che sottopagano i produttori agricoli in un momento in cui sono costretti ad affrontare pesanti rincari dei costi di produzione dai carburanti ai fertilizzanti, dalle macchine agli imballaggi fino ai mangimi per alimentare il bestiame. E’ quanto afferma la Coldiretti nell’annunciare l’avvenuta pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto legislativo in attuazione della Direttiva UE sulle pratiche commerciali sleali, fortemente voluto dalla Coldiretti, la principale Organizzazione degli imprenditori agricoli a livello europeo.

Con il nuovo provvedimento - riferisce la Coldiretti - scatta lo stop per 16 pratiche sleali che vanno dal rispetto dei termini di pagamento (non oltre 30 giorni per i prodotti deperibili) al divieto di modifiche unilaterali dei contratti e di aste on line al doppio ribasso, dalle limitazioni delle vendite sottocosto alla fine dei pagamenti non connessi alle vendite fino ai contratti rigorosamente scritti.

Si realizza così - precisa la Coldiretti - un percorso virtuoso finalizzato a garantire una equa distribuzione del valore lungo tutta la filiera proprio in un momento in cui molte imprese agricole - denuncia Coldiretti - stanno vendendo sottocosto anche per effetto di pratiche sleali che scaricano sull’anello più debole della filiera gli oneri delle promozioni commerciali di Natale. Il balzo dei beni energetici infatti si trasferisce a valanga sui bilanci delle imprese agricole strozzate da aumenti dei costi non compensati da prezzi di vendita adeguati.

Le pratiche sleali - commenta Gennarino Masiello, vicepresidente della Coldiretti - sono un doppio inganno a carico della collettività. Da una parte non si remunera il giusto prezzo agli agricoltori e agli allevatori, a cui vanno meno di 15 centesimi per ogni euro speso in acquisti alimentari, e dall’altra si fa credere ai cittadini di sostenere le filiere agricole, mentre invece si spingono le speculazioni”.