Terremoto '80, nel Sannio otto milioni di euro in arrivo per la ricostruzione. L'elenco dei Comuni beneficiari Enti

Una pioggia di milioni di euro sta per “abbattersi” - anche - sul Sannio Beneventano: è stato predisposto, infatti, lo sblocco dei fondi residui del post-terremoto ‘80.

Soldi stanziati ma bloccati dalla burocrazia che ora verranno erogati grazie ad un emendamento del M5S alla Legge di Bilancio 2021, di cui è primo firmatario il deputato irpino Generoso Maraia.

La variazione prevede l’introduzione di una norma che consente di distribuire le somme residue da liquidare e già assegnate per il completamento della ricostruzione a seguito degli eventi sismici in Campania del 23 novembre 1980 e del mese di febbraio 1981.

Nello specifico, l’emendamento attribuisce ai singoli Comuni della Regione Campania le competenze di spesa, programmazione e controllo delle seguenti somme residue da liquidare: € 43.787.690,62 dal Decreto del MIT n.13333/1 del 30 dicembre 2008; € 12.951.040,54 dal decreto del MIT n.3724 del 26 marzo 2010; € 16.524.443,20 dalla delibera Cipe n.45 del 23 marzo 2012. Inoltre, tutte le risorse ancora disponibili sulle contabilità speciali dei Comuni della Campania, aperte e risultanti dal Report di Banca d’Italia al 31 dicembre 2018, verranno assegnate agli stessi Comuni per il completamento degli interventi di ricostruzione, per un totale di 163.287.551,01 euro.

Pertanto, il totale complessivo delle risorse sbloccate ammonta a 236.550.725,37 euro, una somma notevole di cui beneficeranno tutte le cinque province campane sulla base, appunto, dei riparti già stabiliti dai suddetti decreti ministeriali del 2008 e del 2010, dalla delibera Cipe del 2012, nonché sulla base delle contabilità speciali risultanti dal Report di Banca d’Italia.

Il “salvadanaio sannita” ha in pancia quasi 8 milioni di euro, ovvero: 7.903.795,75 di denaro sonante e frusciante.

Cinquatotto i Comuni assegnatari delle risorse, compresa la città di Benevento, e in alcuni casi si tratta di cifre vicine al milione di euro, quali: San Giorgio la Molara (907mila euro) e Sant’Agata de’ Goti (857mila euro); più di 500mila euro, invece, per Circello (598mila euro), Melizzano (509mila euro) e Pontelandolfo (543mila).

Poi, nella tabella ufficiale (pubblicata qui di seguito) risulta esserci anche il Comune di Arpaia, ma con 0,00 euro di risorse giacenti.

Se pensiamo che nella prossima primavera in ben 20 Comuni sanniti (incluso il capoluogo di provincia) si terranno le elezioni amministrative e 15 di essi - a breve - beneficeranno di questi fondi, è proprio il caso di dire che “cadono come il cacio sui maccheroni”, eccezion fatta per Sant’Angelo a Cupolo con i suoi 5,88 euro e Vitulano fanalino di coda con soli 38 centesimi.

ANNAMARIA GANGALE

annamariagangale@hotmail.it

* * * * *

L’ELENCO DEI COMUNI BENEFICIARI

Ecco il prospetto di tutti quei Comuni sanniti a cui verranno erogate le risorse della Legge 219/81, con le somme precise al centesimo, ed in più quali di essi andranno al voto nella prossima primavera.

COMUNI

RISORSE GIACENTI SBLOCCATE IN EURO

COMUNE AL VOTO IN PRIMAVERA

Apice

4.851,06

 

Apollosa

128.011,69

 

Arpaia

0,00

 

Arpaise

78.992,36

 

Baselice

9.364,32

 

Benevento

82.739,52

Bonea

1.066,00

Buonalbergo

199.689,83

Calvi

424.270,01

 

Campolattaro

39.365,38

 

Campoli del Monte Taburno

144.539,21

 

Castelfranco in Miscano

135.753,02

 

Castelpagano

167.789,00

 

Castelvetere in Val Fortore

70.575,69

Cautano

216.000,17

 

Ceppaloni

24.366,51

 

Cerreto Sannita

2.000,00

Circello

598.607,99

 

Cusano Mutri

11.683,13

 

Faicchio

109.114,03

 

Foglianise

1.334,66

Foiano di Val Fortore

23.965,37

 

Forchia

202.561,46

 

Fragneto l’Abate

442,02

Fragneto Monforte

261,91

 

Frasso Telesino

283.290,93

 

Ginestra degli Schiavoni

22.190,28

Guardia Sanframondi

84.391,75

 

Melizzano

509.226,34

 

Molinara

183.555,85

 

Moiano

366.673,03

 

Montesarchio

33.854,24

 

Morcone

9.548,90

 

Paduli

45.779,28

 

Pago Veiano

369.062,84

Pannarano

7.545,35

 

Paolisi

959,43

 

Paupisi

10.330,52

 

Pesco Sannita

51.846,04

Pietraroia

4.494,76

 

Pietrelcina

5.425,05

Ponte

51.351,71

 

Pontelandolfo

543.117,08

 

Puglianello

78.830,79

 

Reino

1.116,75

 

San Bartolomeo in Galdo

556,82

 

San Giorgio del Sannio

261.225,35

San Giorgio la Molara

907.833,95

San Lorenzello

117.281,41

 

San Lupo

9.731,62

 

Sant’Agata de’ Goti

857.687,50

 

Sant’Angelo a Cupolo

5,88

Sant’Arcangelo Trimonte

291.090,20

 

Santa Croce del Sannio

233,72

 

Solopaca

36.064,91

Telese Terme

60,57

 

Tocco Caudio

82.027,59

 

Torrecuso

60,59

 

Vitulano

0,38

 

Ricordiamo che le elezioni amministrative in provincia di Benevento interesseranno anche i Comuni di: Airola, Castelvenere, Dugenta, San Nazzaro e San Nicola Manfredi. 

Altre immagini