Al via la 41esima edizione di Benevento Città Spettacolo Eventi

Benevento Città Spettacolo ai blocchi di partenza. Mancano ormai una manciata di ore all’avvio della manifestazione più che mai discussa quest’anno fra pareri favorevoli e critiche di chi ne chiedeva invece la cancellazione in seguito all’aumento dei contagi da coronavirus delle ultime settimane. Il Festival partirà e non in punta in piedi ma con un programma di notevole spessore culturale, naturalmente con le necessarie e dovute precauzioni anti-covid19.

È Mariano Rigillo a tagliare il nastro del via nel corso della conferenza stampa che ha aperto Città Spettacolo. Rigillo, attore napoletano non è nuovo nella nostra città e stavolta ritorna con una rappresentazione su Ezra Pound, poeta tanto controverso ma ancora poco conosciuto, di cui si fa portavoce affinché specialmente i giovani comprendano la grandezza di questo autore modernista ma che si è ispirato alla letteratura tutta. “Ezra in gabbia” - interpretato insieme a Mariano Rigillo da Anna Teresa Rossini - è una stesura di Leonardo Petrillo che ha esaminato a fondo la figura di Pound ed è uno spettacolo in divenire - precisa Rigillo - poiché si avvale dello spazio teatrale che ha a disposizione. L’appuntamento per assistere alla rappresentazione è per la seconda serata del festival martedì 25 agosto alle ore 21,00 presso l’Hortus Conclusus.

Questa sera, invece, ad inaugurare ufficialmente la settimana della 41° edizione di Città Spettacolo “Lontano da nessuno” penserà Vincenzo Salemme. L’attesissimo attore partenopeo torna a distanza di un mese con il suo “Napoletano? E famme ‘na pizza” in piazza Castello alle ore 21,30.

Altri eventi in cartellone previsti per la prima serata sono la mostra di Antonio Mastronunzio a Palazzo Paolo V alle ore 18,00. Mentre a partire dalle ore 20,00 piazza Federico Torre ospiterà Sandro Veronesi, vincitore del Premio Strega con “Il Colibrì”; la presentazione del libro “All’ombra della dormiente” scritto a quattro mani dai due medici sanniti Luca De Lipsis e Giuseppe Palmieri, seguito dal Canto del Sannio. In piazza Roma “We all love” alle ore 21,30 darà vita alle coreografie di Enzo Mercurio.

Debutto anche per il Teatro Ragazzi che questa sera si esibirà all’Arco del Sacramento con “Moby Dick” e poi proseguirà nelle serate successive con altre storie favolistiche in altre location del centro storico cittadino. Ai Giardini del Teatro De Simone si potrà assistere alla commedia a cura della Compagnia Red Roger “A piedi nudi nel parco” conosciuta al grande pubblico per la versione cinematografica del 1967 con Jane Fonda e Robert Redford.

Il direttore artistico Renato Giordano augurando a tutti buon festival ha invitato il pubblico al senso civico e al rispetto dell’obbligo della mascherina dalle ore 18 a fine manifestazione in tutto il centro storico e ad evitare assembramenti.

Di seguito le indicazioni per accedere agli eventi in piazza Castello:

I varchi d’accesso saranno aperti al pubblico a partire da 90 minuti antecedenti l'inizio programmato dello spettacolo.

Per gli spettatori in possesso di titoli d'ingresso per assistere agli eventi, la platea sarà accessibile seguendo gli itinerari:

  • Settore A: ingresso al pubblico da via Perasso, angolo viale Dei Rettori (Palazzo “Camera di Commercio”)

  • Settore B ingresso al pubblico da via Stefano Borgia (alle spalle del Palazzo del Governo) con varco d'accesso installato ad angolo via Annunziata

  • Settore C e D: varco d'accesso in Corso Garibaldi, angolo Museo Arcos.

Agli spettatori si consiglia di raggiungere il luogo dell'evento in anticipo, muniti di documento di riconoscimento al fine di agevolare le procedure di registrazione, controllo e rilevamento della temperatura corporea, in ottemperanza agli attuali protocolli per gli spettacoli all’aperto. E’ obbligatorio indossare la mascherina. L’organizzazione non assicurerà l’accessibilità ai posti assegnati oltre l’orario fissato di inizio dell’evento. I biglietti ancora disponibili potranno essere acquistati dalle ore 18.30 presso la biglietteria del Museo Arcos. I biglietti sono nominativi ed incedibili. Il pubblico è pregato di rispettare le norme sicurezza e prevenzione della diffusione del contagio da Covid-19.

Alessandra Gogliano