TORRECUSO - A Vinestate tavola rotonda della Coldiretti su viticoltura e sfide del marketing Eventi

La viticoltura sannita tra cambiamenti epocali e nuove sfide del futuro. È il tema che Coldiretti Benevento porterà venerdì 30 agosto nel corso di Vinestate, l’evento organizzato dal Comune di Torrecuso e giunto alla 45esima edizione.

In quasi mezzo secolo - spiega Gennarino Masiello, vicepresidente nazionale di Coldiretti e presidente della federazione provinciale - la viticoltura sannita ha cambiato pelle. Se confrontiamo i due Censimenti agricoli di riferimento, emerge nei dati la lunga strada che è stata percorsa. Cinquant’anni fa nel Sannio c’erano 13.700 ettari di vigneti. Oggi l’ultima rilevazione ne conta 10.550. Mezzo secolo fa i viticoltori sanniti erano 27.000, mentre il dato Istat più recente ne annovera 11.398. Due fenomeni paralleli quindi: da una parte la scomparsa di vigneti e dall’altra la ristrutturazione delle aziende vitivinicole. Un cambiamento non solo dimensionale, ma anche generazionale. I giovani sono i veri protagonisti, puntando sull’agricoltura come traiettoria di futuro. Ma tante sono le sfide che abbiamo davanti, che il riconoscimento di Città Europea del Vino ci spinge ad affrontare. La più grande è una strategia di marketing che faccia del vino la locomotiva del Sannio”.

Il programma di Coldiretti Benevento prevede alle ore 18.30 la tavola rotonda “Il valore del territorio nel marketing del vino, nella Sala degli Affreschi di Palazzo Caracciolo Cito, con gli interventi di Angelino Iannella, sindaco di Torrecuso, e di Libero Petraccaro, presidente della sezione Coldiretti di Torrecuso. L’incontro è moderato da Nicola De Ieso, responsabile comunicazione di Coldiretti Campania. Le relazioni tecniche sono affidate a Immacolata Tufo, responsabile comparto vitivinicolo di Coldiretti Benevento, Veronica Iannone, presidente regionale della Campania di Fondazione Italiana Sommelier, professor Riccardo Vecchio, docente al Dipartimento di Agraria dell’Università Federico II di Napoli, Libero Rillo, presidente del Consorzio Tutela Vini Sannio. Le conclusioni sono affidate a Gennarino Masiello, vice presidente nazionale di Coldiretti.

A partire dalle ore 20.30, nell’antistante piazza Piano di Corte, si apre il primo evento “Cooking & Wine Experience. L’idea che anima la serata è un’inversione dei ruoli tra vino e cibo. Se solitamente si abbina il vino al cibo, nell’evento organizzato da Coldiretti Benevento e Comune di Torrecuso, avviene il contrario. A cimentarsi ai fornelli ci sono cinque Agrichef della rete agriturismi Campagna Amica: Antonio Carbone (agriturismo Il Ristoro del Viandante di San Giorgio del Sannio), Marilena De Filippo (agriturismo Corte Ciervo di San Salvatore Telesino), Alessandro Della Rocca (agriturismo Le Peonie di Sant’Angelo a Cupolo), Giuseppe Esposito (agriturismo La Forcina di Sant’Agata de’ Goti) e Isabella Frangiosa (agriturismo Masseria Frangiosa di Torrecuso). I vini sono selezionati dai maestri assaggiatori della Federazione Italiana Sommelier. Sono previsti due turni di degustazione, con il secondo a partire dalle ore 22.30. Ad arricchire l’esperienza ci sarà, per gli appassionati, lo smoking corner con degustazione di sigari italiani a cura di Tommaso Luongo, relatore del Club Amici del Toscano. I sigari sono realizzati con tabacco coltivato in provincia di Benevento e saranno abbinati a grappa barricata e passito di Falanghina.