Sisma e superbonus, Lonardo: ''Necessaria proroga a fine 2023'' Politica

Molte imprese hanno avviato le progettazioni del superbonus e del sisma bonus, ma spesso stentano a trovare adeguata manodopera e a reperire le forniture compatibilmente alle restrizioni temporali imposte. I bonus sono un fattore determinante per l’aumento del Pil, ma la scelta di restringere i tempi di attuazione del 110% è sbagliata!”.

La conseguente accelerazione delle attività, impatterebbe negativamente sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Ma soprattutto ne conseguirebbe un improvviso calo della domanda. È evidente che sia necessaria una proroga temporale più ampia per la chiusura dei lavori relativi al 110%, almeno fino a tutto il 2023, ed è fondamentale che siano compresi anche gli immobili unifamiliari, le ville e le villette”.

Le case singole sono prevalenti nei piccoli centri abitati dell’entroterra che verrebbero esclusi dal superbonus, a causa delle restrizioni ai soli condomini. Il sud e le zone montane del centro nord pagherebbero un prezzo troppo alto con conseguente calo demografico e di fatturato, maggiore disoccupazione ed ulteriore povertà. E’ una questione di equità: non esistono cittadini considerati di serie B!”.

Così in una nota la senatrice del Gruppo Misto, Sandra Lonardo.