Benevento si schiera accanto alle donne. Una panchina rossa contro la violenza di genere Società

Finalmente anche Benevento ha la sua panchina rossa per dire NO alla violenza sulle donne. La panchina restaurata e dipinta di rosso, a ricordare il sangue delle vittime di femminicidio, è situata in Via Salvator Rosa, nei giardinetti di fronte il Tribunale e la Questura. Un luogo non scelto a caso che vuole sottolineare la vicinanza, alle donne che subiscono abusi fisici e psicologici, da parte degli organi di giustizia che lottano per contrastare quella che il presidente della Repubblica Mattarella ha definito una “piaga sociale”.

L’evento - organizzato dal Rotary Club e dal Club Inner Wheel insieme alla Consulta delle donne e al Comune di Benevento - assume un significato ancora più pregnante poiché si colloca nella settimana internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne.

L’obiettivo è sensibilizzare l’opinione pubblica e combattere l’indifferenza nei confronti di un reato sempre più frequente, ma anche divulgare una cultura della prevenzione e della protezione.

Accanto alla panchina una targa commemorativa la cui immagine è stata disegnata da una studentessa del Liceo Artistico Virgilio, Maddalena Iatomasi. Un segno importante quello del coinvolgimento delle scuole perché è a partire dei giovani che si può cambiare la mentalità ed accendere la speranza di cambiare la società.

Insieme alla panchina è stata inaugurata una cassetta delle lettere - anch’essa rossa - per dare la possibilità di segnalare o denunciare violenze, le cui chiavi sono state consegnate dal presidente del Rotary Club di Benevento, Luigi Marino, al questore di Benevento, Luigi Bonagura. Infine, è stato impiantato un tiglio simbolo di longevità e di femminilità.

La panchina rossa, presente in molte città italiane, è un’iniziativa che ha fatto seguito alle “scarpe rosse” per invitare a riflettere su un fenomeno che non accenna a diminuire. Una panchina vuota, occupata idealmente da quelle donne che non ci sono più. L’augurio è che passando accanto alla panchina, le donne di Benevento, sappiano di poter contare su un aiuto concreto e serio senza più vivere nella paura.

ALESSANDRA GOGLIANO 

Altre immagini