La Nardone Martino srl dona all'AO ''San Pio'' un innovativo Dom Traige Box per effettuare i tamponi in piena sicurezza  Società

Con la delibera numero 259 del 14 aprile scorso, l’Azienda Ospedaliera “San Pio” ha accettato la donazione liberale a ricevere il “Dom Triage Box”, l’innovativa cabina per l’effettuazione dei tamponi in piena sicurezza, anche al di fuori dell’ambito ospedaliero, che abbiamo voluto donare per aiutare il personale sanitario sannita impegnato a fronteggiare al meglio i pericoli di diffusione del contagio da Covid-19.

Siamo orgogliosi - hanno commentato dalla Nardone Martino srl, azienda di San Giorgio del Sannio - di aver consegnato questa mattina ai medici e al management dell’AO San Pio il primo Dom Triage Box arrivato nel Sannio. In queste settimane sono state tante le dimostrazioni di vicinanza che l’Ospedale San Pio e altre strutture sanitarie hanno ricevuto dagli imprenditori e da semplici cittadini, noi stavamo pensando già da qualche tempo a come partecipare a questa grande gara di solidarietà, anche per ricordare e onorare in modo concreto la memoria del nostro fondatore Martino Nardone, scomparso a febbraio di quest’anno. Così, abbiamo colto al volo l’intuizione di un nostro fornitore, la Tecnodom di Vigodarzere, che in pochi giorni ha convertito una linea di produzione di celle frigorifere per realizzare il box dom triage, cabina che permette in tutta sicurezza ai cittadini e ai medici di effettuare i tamponi”.

La nostra azienda - hanno commentato Diodato, Teresa, Antonella e Marcello Nardone, che hanno raccolto il testimone dal papà Martino - è stata sempre attenta e disponibile a sostenere quei progetti o iniziative territoriali che puntassero alla promozione sociale, quindi soprattutto in questa situazione di emergenza nazionale ci è sembrato naturale donare alla nostra comunità sannita questo macchinario. Infine, è doveroso ringraziare il direttore generale dell’Azienda Ospedaliera, Mario Ferrante e per il suo tramite tutti i dirigenti che hanno reso possibile questa volontà”.