Calcio Serie A: ad Udine dal Benevento un regalo di Natale. Le foto Sport

A questo punto, dopo la vittoria della “Strega” al “Dacia Arena” di Udine, c’è veramente da stropicciarsi gli occhi, se diamo allo sguardo alla classifica: l’undici di Inzaghi (torniamo a chiamarlo superPippo!!!) è al decimo posto in classifica ed ha superato di molto le neo promosse, anzi è alle spalle di squadre che erano partite con traguardi ambiziosi, come Lazio, Atalanta, Juventus, Napoli e tante altre.

Un fatto inaspettato a conclusione si un 2020 che per la “Strega” è stato oro colato. Prima la promozione in A sbaragliando tutte le squadre ed ottenendo record su record, ora un inizio nella massima serie che sta facendo tanto parlare in senso positivo.

Insomma, di questo “maledetto” 2020 l’unica cosa da salvare sono senza dubbio le prodezze dei giallorossi, al di là dei sempre più brutti “balletti” della politica locale, con i gruppi che aumentano come funghi a Palazzo Mosti e le querelle che investono un po’ tutti i partiti alla vigilia di due appuntamenti importanti come i rinnovi del Consiglio Provinciale a fine gennaio e le amministrative in tantissime Comuni sanniti, ad iniziare dal capoluogo. Tutto questo COVID permettendo.

Ed allora godiamoci, per televisione, almeno le prestazioni di questo magnifico Benevento, che sta facendo tanto parlare di se, anche perché da una neo promossa, che molti davano come già condannata al ritorno in B, non ci attendeva un inizio del torneo simile.

E questo è un motivo in più per affermare che la “Strega” è in grado di volare anche in A, e la vittoria ad Udine, contro una squadra che da tempo non perdeva in casa, ha veramente un valore grande. E’ stato più di un brindisi al Natale ed al nuovo anno.

Ed assolutamente non si può dire che al “Dacia Arena” il Benevento abbia rubato qualcosa. Anzi, il risultato deve essere considerato giustissimo, e le due reti messe a segno già al 10’ da Caprari e poi da Letizia (per lui il record del terzo sigillo in campionato) al 76’ hanno suggellato una superiorità lampante in tutto i 90 e passa minuti (sono stati 7 quelli di recupero). Per l’Udinese una sterile superiorità di possesso palla e tiri in porta, una traversa nel finale, tanti calci d’angolo mai sfruttati. Ma, a dire la verità, in poche occasioni Montipò è stato seriamente impegnato, anche perché la difesa giallorossa è stata un vero e proprio baluardo con Glik, Barba, Tuia, ma soprattutto Letizia sugli scudi.

Il resto l’hanno fatto Schiattarella, il migliore in campo, Ionita, Improta a centrocampo, ed anche Caprari, Insigne e Lapadula che con i loro continui rientri hanno dato una mano alla squadra. E ad impegnare la difesa dei padroni di casa ci hanno pensato Caprari e Lapadula. Perfetti anche i cambi di Inzaghi, che quanto c’era da soffrire ha inserito Dabo per Ionita, Tello per Insigne, Sau per Caprari, Foulon per Improta ed il “ragazzino” Di Serio per Lapadula.

Insomma è stato un Benevento perfetto, che ora può godersi, giustamente, un paio di giorni di riposo per ricaricare le pile. Poi, il 3 gennaio sarà nuovamente campionato, con la capolista Milan che alle 18.00 sarà di scena al “Vigorito”.

Ecco, comunque, la classifica con cui si chiude il 2020 calcistico:

Milan 34

Inter 33

Roma 27

Sassuolo 26

Napoli 25

Juventus 24

Atalanta 22

Lazio 21

Verona 20

Benevento 18

Sampdoria 17

Udinese 15

Bologna 15

Fiorentina 14

Cagliari 14

Parma 12

Spezia 11

Genoa 10

Crotone 9

Torino 8

Ed ecco le gare del prossimo turno, che si giocherà tutto domenica 3 gennaio:

Inter - Crotone ore 12.30 (Sky)

Atalanta - Sassuolo ore 15.00 (Sky)

Cagliari - Napoli ore 15.00 (Sky)

Fiorentina - Bologna ore 15.00 (Sky)

Genoa - Lazio ore 15.00 (Sky)

Parma - Torino ore 15.00 (Dazn)

Roma - Sampdoria ore 15.00 (Dazn)

Spezia - H. Verona ore 15.00 (Sky)

Benevento - Milan ore 18.00 (Sky)

Juventus - Udinese ore 20.45 (Dazn)

GINO PESCITELLI

Foto di Arturo Russo per Realtà Sannita © 

Altre immagini