Calcio Serie A, il Benevento in dieci ipnotizza la Roma. Guarda le foto Sport

Per il Benevento contro la Roma un punto che vale oro per la classifica, per il morale ed anche per il futuro.

Un punto che, insomma, apre la porta per la salvezza.

Eppure le cose si erano messe male soprattutto nell’ultima mezz’ora quando a causa di un doppio giallo è stato espulso Glik, il punto di forza della difesa, ed Inzaghi si è visto costretto ad inserire Caldirola al posto di Viola. Poi, nell’ultimo minuto di recupero ci ha pensato il VAR a richiamare Pairetto per dire no ad un rigore che il direttore di gara aveva già concesso ai giallorossi capitolini. E la eventuale sconfitta sarebbe stata una vera e propria beffa per il Benevento, anche se, indubbiamente, soprattutto dopo l’espulsione di Glik la gara l’ha fatta la Roma, spingendo con forza nell’area del Benevento, ma trovando sulla propria strada una difesa che questa volta non ha commesso errori. L’unica volta che la Roma ha sfiorato il vantaggio è venuto il salvataggio sulla linea di Caldirola.

Per il resto per Montipò quasi ordinaria amministrazione, con il portiere che ha dato sicurezza soprattutto nelle uscite. Insomma uno 0-0 conquistato con i denti e con il carattere, ed una classifica che si è fatta meno preoccupante con il Benevento che ha dieci punti di vantaggio sulla terzultima. Però assolutamente non bisogna abbassare la guardia, pensando anche alla prossima gara, quella contro il Napoli al “Maradona” dove non ci saranno né Glik né Inzaghi, entrambi espulsi.

L’allenatore, però, potrebbe anche contare su Letizia, che sembra guarito, ed anche su Improta. Tanti, invece, i problemi di formazione per il Napoli, e questo potrebbe favorire il compito della “Strega”.

Contro la Roma l’allenatore giallorosso ha presentato qualche novità. Come prima cosa la presenza di Foulon sulla fascia sinistra della difesa con Barba centrale. Poi difesa centrale a due con Glik e Barba e Depaoli sulla sinistra. Centrocampo scontato con Schiattarella, Viola ed Hetemaj, infine Ionita e Caprari in appoggio a Lapadula. Nella ripresa Caldirola in difesa al posto di Viola dopo l’espulsione di Glik, quindi Tello per Hetemaj, Insigne per Caprari e Moncini per Lapadula.

Insomma il “cuore” strega è riuscito a fermare la “rometta” di Fonseca ed ora occhi puntati sul derby del sole di domenica. In campo alle 18.00.

GINO PESCITELLI

Foto di Arturo Russo per Realtà Sannita © 

Altre immagini