Calcio Serie A: in una serata ''stregata'' il Benevento si arrende al Milan Sport

Questa volta la…ciambella è riuscita senza il classico buca. Come qualcuno aveva sperato.

Quel Benevento che era riuscito a fermare Lazio e Juventus questa volta si è dovuto piegare allo strapotere del Milan di Pioli, che guida la graduatoria di Serie A e che non perdeuna gara oramai da una vita.

Ma dobbiamo dire che il risultato finale certamente non ha premiato i rossoneri più di tanto per quanto si è visto in campo, anche se i l’undici della “madonnina” ha giocato in inferiorità numerica per ben 55 minuti, ma il Benevento non ne ha saputo approfittare.

Eppure Schiattarella e compagni hanno avuto parecchie occasioni per ottenere il pareggio e dimezzare lo svantaggio dopo il rigore messo a segno dal Milan in principio di gara per un netto rigore causato da Tuia. Subito dopo un palo interno colpito da Insigne, poi sul 2-0 per i rossoneri, causato da una doppia indecisione di Hetemaj e Montipò, il rigore fallito da Caprari che ha sì spiazzato Donnarumma però ha angolato troppo il tiro. Senza quell’errore il risultato finale sarebbe fors4e cambiato, anche perché il portiere del Milan e della nazionale, vero protagonista della serata. Ha effettuato parate prodigiose. Si dirà che anche il Milan ha colpito due pali, ma questo serve a poco.

Insomma la partita per lunghi tratti l’ha fatta il Benevento, che, però ha sbagliato tantissimo sotto porta, e ciò ha indubbiamente favorito i “diavoli” si Pioli, se consideriamo i due gol praticamente regalati ai rossoneri che non chiedevano altro per restare alla testa della classifica dopo la “scorpacciata” di reti dell’Inter contro il Crotone.

Insomma la “strega” ha fatto soffrire il “diavolo” ma ciò non è bastato, anche se la gara non è stata a senso unico come qualcuno prevedeva.

Nessun cambiamento nella formazione iniziale schierata da Inzaghi, con Montipò in porta, questa volta meno sicuro del solito, Glix e Tuia centrali, Letizia e Barba sulle fasce. Ha risentito molto Tuia per il rigore, netto, dopo un quarto d’ora che ha permesso al Milan di andare in vantaggio, mentre subito dopo Letizia è stato costretto ad uscire per infortunio e si spera che non sia grave perché sulle fasce difensive la “coperta” è corta e bisogna ricorrere subito ai ripari. Per la sostituzione, si pensi, Inzaghi ha dovuto schierare il trequartista Improta. Centrocampo con Schiattarella, Hetemaj, meno lucido del solito, e Ionita, quindi Caprari ed Insigne in aiuto all’ex Lapadula. Oltre ad Improta per Letizia sono an che entrati nella ripresa Foulon per Tuia, Sau per Hetemaj, Moncini per Insigne e nel finale Di Serio per Moncini che ha giocato pochissimo.

Ora già si pensa al ritorno in campo. Addirittura il & gennaio sarà già campionato.. Si vola a Cagliari.

Ecco i risultati della quindicesima giornata:

Atalanta – Sassuolo 5-1

Benevento – Milan 0-2

Cagliari – Napoli 1-4

Fiorentina – Bologna 0-0

Genoa- Lazio 1-1

Inter – Crotone 6-2

Juventus – Udinese 4-1

Parma – Torino 0-3

Roma – Sampdoria 1-0

Spezia – Verona 1-0

Il 6 gennaio si ripartirà con questa classifica

Milan 37

Inter 36

Roma 30

Napoli 28

Juventus 27

Sassuolo 26

Atalanta 25

Verona 23

Lazio 22

Benevento 18

Sampdoria 17

Bologna 15

Udinese 15

Fiorentina 15

Cagliari 14

Parma 12

Torino 11

Spezia 11

Genoa 11

Crotone 9

GINO PESCITELLI

Foto di Arturo Russo per Realtà Sannita © 

Altre immagini