Calcio Serie A: per il Benevento una Coppa Italia molto amara. GUARDA LE FOTO Sport

Per il Benevento una Coppa Italia piena di tanto amaro, ed anche quello dei più forti!

L’Empoli di Dionisi a mani basse è passato al “Vigorito”, ed il risultato finale di 4-2 assolutamente ha condannato tantissimo Maggio e compagni, che, a dire la verità, soltanto nei primi 45’ hanno cercato di contrastare gli avversari, per poi crollare nella ripresa. Anzi nel primo tempo il Benevento era riuscito anche ad andare in vantaggio, ma la rete è stata annullata per un dubbio fuori gioco segnalato dall’assistente di linea Francesca Di Monte dopo che il direttore di gara aveva convalidato la rete. Questa volta la…quota rosa non è stata a favore della “Strega”.

Le cose, dopo un primo tempo conclusasi a reti bianche, sono completamente cambiate nella ripresa, soprattutto dopo l’entrata in campo dell’attaccante Mancuso, vero eroe della giornata che con una tripletta ha praticamente condannato i sanniti alla sconfitta.

Per la gara contro l’Empoli, giunto nel Sannio con soltanto 18 giocatori a causa dell’emergenza Covid della vigilia, Inzaghi ha praticamente rivoluzionato la formazione scesa in campo contro il Napoli con tantissimi giocatori di secondo piano, e facendo scendere subito in campo, per 45’, Viola assente dai campi di gioco da tantissimo tempo. E nell’ultimo quarto d’ora si è rivisto anche Momcini oramai sulla via del pieno recupero anche atletico.

A guardia della rete Manfredini, colpevole con le sue indecisioni di almeno due o anche tre reti dell’Empoli, poi centrali difensivi Tuia e Glik, con Maggio e Foulon a completare la difesa a quattro. Il centro campo è stato affidato a Viola, Hetemaj e Tello, quindi Improta a Sau a sostenere Di Serio in attacco. Nella ripresa subito Schiattarella per Viola, che ha dimostrato di non essere ancora pronto, poi Letizia per Foulon, Ionita oer Hetemay, Insigne per Improta ed anche Moncini per Di Serio. Il Benevento ha provato anche a reagire con una rete di Maggio, e nel finale è andato a rete anche Moncini, fissando il risultato finale sul 4-2.

A questo punto, dopo l’uscita dalla Coppa Italia, bisogna subito reagire e calarsi sulla terra, il che non sarà facile soprattutto se si considera che attualmente ha la difesa più “bucata” della Serie A, e questo è quello che più preoccupa. Qualche correttivo Inzaghi deve subito trovarlo, non solo per quanto riguarda il reparto arretrato ma anche per il centrocampo che copre pochissimo.

Dietro la porta per il sanniti la trasferta di Verona contro l’Hellas, in programma per lunedì 2 novembre alle 20.45. Un posticipo che comincia ad essere fondamentale per il futuro, contro una squadra certamente alla portata di Maggio e compagni. E sono proprio queste le gara decisive in chiave salvezza.

GINO PESCITELLI

Foto di Arturo Russo per Realtà Sannita © 

Altre immagini