Calcio Serie B: il Benevento a Cosenza vuole continuare la fuga solitaria Sport

Dopo il pareggio di domenica contro la Salernitana questa sera, il fischio d’inizio è previsto per le 21.00, il Benevento al “San Vito Marulla” di Cosenza per cercare di dare continuità alla fuga solitaria. Questo anche dopo il nuovo stop casalingo del Pordenone, fermato il casa sul 2-2 dal “fanalino di coda” Livorno, che dopo questo nuovo stop è stato superato in classifica dalla coppia Crotone - Frosinone che ora inseguono l’undici di Inzaghi a quota 37 contro i 51 dei giallorossi. Un vantaggio sempre importante, che questa sera potrebbe ancora aumentare.

A parte questi calcoli c’è però da dire che lo stadio cosentino in poche occasioni è stato favole alla “Strega”. Una vittoria del Benevento al “San Vito Marulla” manca da ben 33 anni, e l’ultima conquista dei tre punti risale alla stagione ‘86/87. Volendo fare un po’ di storia sono state 14 le vittorie del Cosenza, 5 i pareggi, soltanto 2 le vittorie giallorosse. Come si vede per la “Strega” il terreno di gioco cosentino in passato è stato quasi un tabù.

A ciò dobbiamo aggiungere che questa volta Inzaghi ha quasi gli uomini contati e deve rinunciare agli squalificati Maggio ed Improta oltre agli infortunati Antei (come si sa per lui il torneo è praticamente già finito), Tuia, Kragl, Tello e Vokic. Quindi soltanto 20 i convocati, compreso i tre giovani Rillo, Pastina, Di Serio e Basiti che, naturalmente, partiranno dalla panchina.

Per questo formazione quasi obbligata, anche se l’allenatore ha ancora qualche dubbio non solo per quanto riguarda la formazione iniziale ma anche il modulo. Non vorrebbe fare salti nel buio in terra calabra né nell’assetto tattico né in quello dei giocatori. Insomma 4-3-2-1 era ed anche questa volta 4-3-2-1 dovrebbe essere. Per quanto l’assetto iniziale le incertezze maggiori sono per quanto riguarda la difesa. Ci potrebbe essere l’esordio di Barba in difesa come centrale accanto a Caldirola, con lo spostamento di Volta sulla fascia al posto dello squalificato Maggio, oppure il capitano potrebbe essere sostituito da Gyamfi, con Barba o Volta che che partirebbero dalla panchina. Centrocampo praticamente fatto con Hetemaj, Viola e Schiattarella, mentre gli esterni dovrebbero essere Insigne, al quale Inzaghi vorrebbe dare fiducia, e Sau. In attacco Coda, ma ci potrebbe essere anche Moncini, anche perché Coda in questa settimana ha avuto un po’ di influenza saltando qualche allenamento.

Non se la passa meglio l’allenatore del Cosenza Braglia (distanziato dal Benevento da ben 31 punti), che dovrà rinunciare a Riviere, Legittimo, Kanoutè, Sciaudone, Perina con l’esordio del giovane Saracco tra i pali. Comunque l’allenatore ritrova D’Orazio e Prezioso. Tre gli ex tra le file del Cosenza: Lazaar, Carretta ed Asencio (per lui 23 gare in giallorosso con 3 reti).

Comunque tra Inzaghi e Braglia una sfida a scacchi, con l’allenatore giallorosso che assolutamente non si fida dell’undici calabrese, nonostante la classifica. Il Benevento sa bene che troverà un clima da ultima spiaggia e un avversario più che determinato e per questo non si fida. Insomma per la “Strega” un esame non facile da superare, e proprio per questo Inzaghi vuole una squadra ancora più carica.

Al “San Vito Marulla” fischierà Marco Serra della sezione di Torino. Si tratta di un quarto anno, con esperienze anche in Serie A, dove ha diretto tre gare con una vittoria interna e due pareggi, un rigore concesso due espulsi. Tra i “cadetti” fino ad ora ha diretto 72 gare con 32 successi delle squadre di casa, 29 pareggi, 11 blitz esterni, 19 rigori concessi ed altrettanti espulsi. In totale sono state 128 le gare dirette in carriera con 56 successi interni, 48 pareggi, 24 successi delle squadre in trasferta, 36 rigori concessi e 51 espulsi. Ben otto i precedenti con il Benevento con 4 successi, 4 pareggi e nessuna sconfitta. Un pareggio (1-1 a Pordenone) ed una vittoria esterna (0-2 a Venezia) in questo torneo). Un solo precedente con il Cosenza, con il pareggio a Padova nello scorso torneo.

Collaboratori di linea saranno Vito Mastrodonato di Molfetta e Michele Lombardi di Brescia, IV uomo Manuel Robilotta di Sala Consilina.

Ecco il programma di questa ventitreesima giornata, quarta del girone di ritorno:

Ascoli - Juve Stabia 2-2

Cittadella - Empoli 1-2

Crotone - Cremonese 1-0

Pordenone - Livorno 2-2

Venezia - Frosinone 0-1

Perugia - Spezia 0-3

Pisa Chievo - Verona domenica 9 ore 15.00 (Dionisi - Pagnotta - Vono - Carella)

Virtus Entella - Pescara domenica 9 ore 15.00 (Sozza - Robilotta - Annaloro - Illuzzi)

Cosenza - Benevento domenica 9 ore 21.00 (Serra - Mastrodonato - Lombardi - Robilotta)

Salernitana - Trapani lunedì 10 ore 21.00 (Di Martino - Muto - Zingarelli - Massimi)

Dopo le gare di venerdì e sabato si parte con questa classifica:

Benevento 51

Crotone 37

Frosinone 37

Pordenone 36

Spezia 34

Salernitana 33

Cittadella 33

Perugia 33

Pescara 32

Virtus Entella 31

Ascoli 31

Chievo Verona 30

Empoli 30

Pisa 29

Juve Stabia 29

Venezia 27

Cremonese 23

Cosenza 20

Trapani 19

Livorno 14

GINO PESCITELLI