Covid, ''I Moderati'' a Mastella: ''Basta cambiare idea giorno dopo giorno. Sì a decisioni oculate'' Politica

Ieri è stata diffusa una nuova ordinanza anti Covid e anti commercio per la nostra città. Indubbiamente è giusto adottare misure restrittive per contenere i contagi da Covid-19 che dallo scorso marzo ha cambiato radicalmente il nostro modo di vivere.

Ciò che non è logico - scrive il gruppo “I Moderati, composto da Antonio Puzio, Mimmo Franzese e Angela Russo - è limitare ulteriormente la presenza di avventori, che è da mesi già minima, nelle zone dove sono collocate le attività commerciali: Corso Garibaldi, Via Traiano, Piazza Roma, dove sarebbe comprensibile il divieto di passeggiare a vuoto la domenica! In quanto al mercato rionale, che si svolge all’aperto, la soluzione potrebbe essere il controllo agli ingressi degli stessi, specie per il venerdì ed il sabato.

Il primo cittadino - aggiungono nella nota - ha precisato che le persone possono raggiungere gli esercizi commerciali collocati nelle zone del centro, ma non possono semplicemente passeggiare. Come si fa a dimostrare di voler fare acquisti e non di stare passeggiando? Questa misura è volta solo a scoraggiare ancora di più i possibili avventori che vorrebbero raggiungere quelle aree per fare acquisti nei negozi, che purtroppo si vedono sempre più in ginocchio.

Ulteriori restrizioni, aggiunte a quelle già esistenti, portano solo alla morte delle attività, nonché degli ambulanti a cui sono di nuovo vietati i mercati rionali. Chi dà sussidi a queste persone? Il virus circola da mesi, ormai, e abbiamo imparato a convivere con mascherine e igienizzanti. È assurdo pensare di contenere il contagio con restrizioni orarie o diurne: il virus circola in egual modo al mattino e alla sera, dal lunedì alla domenica. Le mezze misure non contengono il contagio.

Si è discusso molto nelle scorse settimane sulla chiusura delle attività e, per evitare un nuovo lockdown totale, si è cercato un modo per lasciarle lavorare comunque. Con tutte queste restrizioni, risulta davvero difficile pensare che i cittadini non si scoraggino a uscire né a frequentare locali e negozi, sostenendo l’economia locale.

Con maggiori controlli che potrebbe disporre il sindaco si potrebbero evitare queste regole tanto insensate quanto dannose per chi da anni ha la sua attività in centro, già piegato da affitti salati, concorrenza dei centri commerciali e acquisti online. Non è giusto che questa categoria paghi più delle altre. La vita può procedere con il rispetto delle regole da parte di tutti e sanzioni salate per chi non lo fa.

Precisiamo anche che, dati alla mano, a Benevento i numeri di contagiati non sono gli stessi rispetto a quelli della Campania, sia per densità di popolazione, sia per estensione territoriale, sia per senso civico del nostro popolo, pertanto anche le restrizioni dovrebbero essere differenti e decise tenendone conto.

Si invita il primo cittadino - concludono ‘I Moderati’ - a riflettere su queste tematiche, a mente lucida e prendendo decisioni oculate, evitando di cambiare idea giorno dopo giorno, e sottoponendo il caso di una città non uccisa dal virus, ma dall’economia. Il popolo beneventano si aspetta e merita che un nome importante come quello di Clemente Mastella, cui quattro anni e mezzo fa ha dato appoggio e fiducia, faccia sentire la propria voce a tutela di chi ha investito sacrifici e risorse nelle proprie attività”.