De Lorenzo a De Pierro: ''Il PD è patrimonio di tutti, certamente non è di Clemente Mastella'' Politica

Ho letto con molta attenzione la lunga dichiarazione del consigliere De Pierro. Non mi appartiene cedere alle provocazioni, ma approfitto per chiarirgli, per l’ennesima volta e senza polemica, alcuni aspetti politici che hanno sempre caratterizzato l’attività del Coordinamento Cittadino.

Sono d’accordo con lui: il Partito è patrimonio di tutti. Certamente, però, mi sia concesso, non è di Clemente Mastella.

Ritengo che non sia ipocrita chi agisce seguendo quanto deliberato qualche mese fa all’unanimità dalla Federazione Provinciale e dal Circolo Cittadino, nonché chi segue la linea dettata dalla Segreteria Nazionale del Partito Democratico. La tecnica del viandante, per fortuna, non ci appartiene.

In questi anni il Coordinamento Cittadino è stato da me convocato con cadenza mensile, fatta eccezione nel periodo estivo (mese di agosto) e nei periodi della pandemia. L’ultimo è stato fatto pochissime settimane fa online, il prossimo verrà convocato a breve. Non ricordo, però, da quanto tempo, certamente ben oltre un anno a quanto mi risulti, non si riunisce il gruppo consiliare su iniziativa del capogruppo De Pierro per discutere delle questioni amministrative.

Anche alla riunione di mercoledì 2 dicembre, da me convocata, lo stesso non ha voluto partecipare. Se lo avesse fatto, avrebbe appreso che il consigliere Paglia ha ribadito la richiesta di iscriversi al Partito.

Infine, poi, un chiarimento è dovuto: il consigliere De Pierro vuole sostenere la ricandidatura di Mastella? Può dirlo tranquillamente. E’ legittimo per tutti cambiare idea, anche spesso, non c’è bisogno di vergognarsi”. Così il coordinatore cittadino PD, Govanni De Lorenzo.