Questioni politiche, regionali e provinciali: riunito il Coordinamento Cittadino del PD Politica

Giovedì 28 maggio si è riunito in videoconferenza il Coordinamento Cittadino del Partito Democratico. All’ordine del giorno erano poste alcune questioni della città che sono emerse nelle ultime settimane. La discussione, però, inevitabilmente si è concentrata sulle ultime vicende che hanno interessato il partito a livello regionale e provinciale”. Così in una nota il Partito Democratico di Benevento.

Il dibattito - aggiungono - è stato ampio e partecipato, con interventi di quasi tutti i presenti, compresi i consiglieri comunali Del Vecchio, Lepore, Fioretti e il capogruppo al Comune De Pierro. Diverse le opinioni in campo, ma un tratto comune è emerso alla fine della riunione: la necessità che nel partito venga rafforzata la collegialità e l’unitarietà dell’azione politica, a partire dagli organi regionali e provinciali. Il Partito Democratico è un grande partito, un contenitore di più anime che dialogano e dibattono, come avvenuto ieri sera, ed ha il compito di rappresentare al meglio la propria comunità di iscritti, militanti e amministratori. Nell’occasione il coordinatore Giovanni De Lorenzo ha ribadito quanto deliberato a febbraio: il PD è all’opposizione fin dalle elezioni del 2016 e vuole costruire un fronte comune insieme ai raggruppamenti politici e civici dell’area del centrosinistra che sono disposti a collaborare per la ripresa della nostra comunità.

In un momento estremamente delicato per la città - prosegue la nota -, prostrata economicamente e socialmente dall’emergenza sanitaria, infatti, il Partito Democratico sente la necessità, ora più che mai, di costruire un’alternativa seria e valida a fronte dell’inadeguatezza dell’attuale amministrazione. Le decisioni discutibili riguardanti questioni che stanno interessando ad esempio l’area del terminal, piazza Risorgimento, il palazzo ex Inps, i pini del viale degli Atlantici, sono da affrontare con le dovute cautele e vanno discusse nei luoghi opportuni. A Benevento, invece, il ruolo delle istituzioni è sempre più svilito: da quanto tempo non viene convocato il Consiglio Comunale? Eppure le richieste in proposito sono tante, a partire da quella da noi formulata per ottenere le dovute motivazioni delle dimissioni-non dimissioni del sindaco nel mese di febbraio fino all’ultima avanzata dal capogruppo Francesco De Pierro in merito alla questione dell’inchiesta giudiziaria sulla depurazione.

Nella riunione - conclude -, su impulso del consigliere comunale Floriana Fioretti, sono stati anche introdotti i problemi riscontrati dai cittadini sia nella fase di ritiro dei rifiuti ingombranti sia di consegna degli olii esausti presso l’ecocentro di contrada Margiacca e la questione riguardante la prossima approvazione del Regolamento degli Impianti Pubblicitari”.