Regionali, Raffaele Del Vecchio: ''La mia elezione rappresenterebbe l'inizio di una nuova stagione politica'' Politica

Raffaele Del Vecchio è nato a Benevento il 2 dicembre 1970 e qui risiede ed opera come avvocato. Già vice sindaco e assessore alla Cultura dal 2006 al 2016, è stato candidato alla Camera dei Deputati nelle liste del Partito Democratico alle elezioni politiche del 2008 e candidato sindaco del centrosinistra alle elezioni amministrative del 2016 avendo come avversario l’on. Clemente Mastella.

Quali sono i motivi che l’hanno spinta a candidarsi?

Troppo spesso i limiti di un territorio si identificano con i limiti di chi lo rappresenta nelle istituzioni. E credo non sia evidente solo a me che a tutti i livelli istituzionali il Sannio in questo momento non sia rappresentato dalle migliori soluzioni che avrebbe potuto mettere in campo.

E allora iniziamo dal Consiglio Regionale…

Io sono candidato nella lista “De Luca Presidente” - non una delle tante, preziosissime liste di appoggio - quella di Vincenzo De Luca. Per chi sa leggere queste cose, è un’opportunità che dovremmo saper cogliere, perché da qui al 2025 il Sannio avrà bisogno di una interlocuzione diretta, chiara e leale con Vincenzo De Luca. E soprattutto efficace. La stagione delle contrapposizioni inutili è finita. Si aprirà quella delle proposte utili, del confronto programmatico e di un nuovo patto di governo per il Sannio. Io mi sono impegnato a fare la mia parte e la farò.

In caso di vittoria quali sono i temi principali sui quali focalizzerà la sua attenzione?

Due su tutti: spopolamento e qualità dei servizi territoriali.

Perché un elettore dovrebbe votare Raffaele Del Vecchio?

Per carità, si possono sempre votare i candidati di Mastella e di Del Basso De Caro. O i candidati di servizio, ce ne sono tanti. La mia invece è una candidatura di governo e la mia elezione rappresenterebbe l’inizio di una nuova stagione politica. L’assunzione completa di responsabilità di una nuova generazione e la definitiva chiusura di un libro che leggiamo da oltre trent'anni. I cittadini del Sannio ora hanno la possibilità di scegliere un'altra soluzione, un’altra via, un altro futuro. Io sono qui. Tutto il resto dipende da loro.

In che misura in questa campagna elettorale le mancherà la figura di suo padre avv. Nino già attivo amministratore della città di Benevento?

Ho perso mio padre proprio all’avvio della campagna elettorale e ho dovuto far leva su ogni risorsa interiore per andare avanti senza fermarmi un solo giorno. Tuttavia è altrettanto forte la responsabilità che sento nei confronti di un progetto di rigenerazione e liberazione della politica sannita dalle logiche che l’hanno tenuta bloccata nell’ultimo trentennio. Un progetto che non riguarda solo me e questo appuntamento elettorale, ma tutti gli altri appuntamenti a venire e tanti altri protagonisti. Quindi mi sono caricato il dolore sulle spalle e ho deciso di combattere questa battaglia nonostante le avversità. Assomigliare a mio padre in questo mi ha aiutato molto.

ANNAMARIA GANGALE

annamariagangale@hotmail.it