Ti sono quasimente scritto questa lettera Società

Carissimo cainate,
ti vulesse parlane accore accore dela munnezza perchene nun sene pote chiu di sente strunzi di ogni specie ca parlano inta la tili visiona e aggio paura can un sapeno chello che diceno.
Inzomma dale parte di Napuli ca ci stiamo puro noi la munnezza noncè posto dove meterla. Non sono stati cazzi di risolvere il probblema mango Bassolino e mango il prefetto Catenaccio caè ome cueppalle e mango il prisidento Bertolaso caè chilo ca vace giranno co una camisella ca tene lo stemma dela mia cara Italia coma si fosse un piloto dela Battuglia Crobbatica.
Mò è sciuto un autro ca era il capo dela Pulizzia. E io ci dicesse ma perchene non ci ài provato a metere ordine cuanno eri il capo dela Pulizzia? Ma la cosa chiu bella è che ca isso vace giranno purtannosi appriesso nu coso curiuso vestuto da sordato del deserto tipo El Ala Mein ca dice ca è un generale. E allora io dico perchene nun aveti annomenato il generale capo supremo ca almeno sapiamo ca il generale cumanna puro a Lesercito Taliano ca ci abiamo sembre fatto onore imbace e in guerra.
Ma in questa cara Italia tutti vulessero cumannà perchene cume si dice Il potere è chiu doce duffotte maperò nisciuno ca cumanna riesce accumbinà nucazzo.
Piglia il caso del viggile orbano ca facette la multa per è cesso di velocità a Camillero. E’ succieso nu quarantotto e ànno schiaffato dinto al viggile orbano e a Camillero. Al mio penziere abbastasse di levare tuti quei cartelli dimmerda ca dice ca io avessaì a sessanta chilometri alora sia ammè ca tengo chella ciento vindisette verde e sia alingegniere Camillero ca assendo nu professionista cui sordi isso tene una Biemme Evvù e perchene isso addaì come una ciento vindisette?
E accussì cola signora Mastella. Ma vuliti mette ca essa è una prima donna e checcazzo sarria una prima donna sipò avessafà tale e quale a una cassalingua ca adda scupà per terra e cole stesse mane addà cavà i cecatielli?
Al mio penziere si deve fare dui elenchi diviso tra chelo ca cumanna e chelo ca saddastà. E chillo ca saddastà saddafà i cazzi suoi. Chi cumanna lo dice la parola stessa tuti gli altri nun cianna rompucazzo.
Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.
L’EMIGRANTE