Ti sono quasimente scritto questa lettera Società

Carissimo cainate,

cuanno ce steva Isso il Duce si chiamava il Ministero dela Uerra e tutto era chiaro come puro il Ministero dela Ducazzione Nazzionale. Il popolo sadda ducare perchene non diciamo strunzate il popolo da sulo assendo caè ignorante e nun tene i sordi peffare procressi nunnarriva mai ai signori ca teneno i sordi e simbara la buona ducazzione come addire ca non si mete le mane in bocca e non si mete le dete nel naso e non si faceno le perete attavola caè inutile appigliare in giro i nobbili condicente ca loro sappilano upertuso.

Cuanno si stace col amici si poteno fare rumori di bocca e rumori di culo ma cuanno tu stai coi nobbile ti devi comportare coma loro. Eccà ti voglio.

Allora Isso il Duce diede ordine di aizare nu palazzo coma queli antichi e ci facette scrive in fronte Ministero dela Ducazzione Nazzionale e dallà ascettero ministri cueppalle e da loro pendevano ispettori e presidi ca assendo ca loro dovevano ricare adderitto listesso succedeva cò professori e maestri. Tuti à lineato eccoperto.

E accussì il popolo Taliano da cafone e ignorante ca era addeventavo un popolo ca si fece onore inbace e inguerra. E nunnè ca la uerra la fece asotto casa none la uerra la andiede affare a chilometri di lontananza partenno da Napoli cò nave e apparecchi.

Camò ti voglio dire. La uerra è uerra cioè o sifà per vingere e pote succede ca la puoi puro perde ma si lafai pepperde la pierdi di sicuro.

Camò ti spieco. Checcazzo abiamo andato affare in Libbia ca oggi arriva un apparecchio frangese e dimani uno ingreso eppò il mericano e cuanno arriva lapparecchio taliano nunsi sape si adda purtà la posta o addafà le strisce ianco rosso e verde. Inzomma nun si capisce si lapparecchio taliano è cazzo di langiare le bombe.

E cuanno dura una zeza del genero?

Il popolo Taliano ave sembre fatto la uerra lamba perchene il soldato Taliano nun cene tene di stare luntano da casa eppò assendo buoni di cuore noi subbito ci à leiamo col nemico condicente pane e lavoro. Nela Libbia dove già ci abiamo stato ci canosceno e al mio penziero già sanno come cela fanno pacare. Cioè ca ci troviamo cuna mano nanzi e nata arreto.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L’EMIGRANTE