Ti sono quasimente scritto questa lettera Società

Carissimo cainate,

al mio penziere il bilangio dela mia cara Italia si songo fotuto sorta e capitale laquale io dicesse ma cuanno abbiati affare i seri?

Si doveti arraffare altra moneta è inutile ca rumpiti ucazzo a queli ca già pagheno le tasse perchene voi non cele facete mango vedere perchene la moneta cela levate prima angora ca issi la potenmo contare.

Voi faceti le cose facile perchene tenete le lenco di tuti istrunzi ca ci levate la moneta e certe vote iati a rompucazzo e faceti pure la certamente.

Si la mia cara Italia è un paese dimo gratico ci abbastasse di metere una uardia di finanza co un tavulino e un quaderno cola copertina nera dandoci un ordine preciso. Scrivi tute le femene ca portano una machina afforma di camionetta grossa. Ogni vota ca essa passa ci faceti pacare un evere. Essò sordi.

Secondaria mente io facesse pacare una tassa sul cane la quale mò ca le femene nun si poteno arruinare la linia e di conseguenzia non faceno chiù figli ma teneno sembre lanima buona ca vulessero à carezzare una cosa liscia. Si fosse permene sapesse io come farcelo à carezzare.

Ma loro ànno pigliato la fisima del cane. Un cano grante ca magna cuma na vacca, un canillo coma un picolo sopra mobbile, il cano cola coda tagliata e quelo col musso acciaccato. Tuta questa massa di cani in casa li lisciano e là ca rezzano e saccio di gente ca ci dorme ansieme inta listesso lietto e nun saccio si chesto è propetamente peccato di penziere oppuramente di opere.

Ma eccà ti voglio il cane è comannoi uomeni. Magna e beve e adda puro scarrecare.

Ce lanno puro scrito nei manifesti ca il patrone si ci scappa adda corre ala casa ma si ci scappa al cano si pote fare puro miezo ala via e puro miezo ala gente ma il patrone è obrigato a pulizzare.

Lo dice la legge ca il patrone adda camminà cola paletta e la sacchetta di prasteca e si nun si vole sporcare le mane è cunsendito di metere i uanti delo infermiere ca pareno un preservativo a cingue cape.

La legge è come si avesse obbrigato il cane affare sulo strunzi. Ma cuanno il cane ci viene la sciorda tu misai dice ammé come cazzo addafà il povero patrone.

Accuale assessore si pote addimannare chesta domanda?

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L’EMIGRANTE