Una vota a pigliare il treno era una alecria perchene ti afaciavi al finestrino e salutavi a cani e puorci Società

Carissimo cainate, la dimo grazia crestiana predicava lugualianza di tuto il popolo ma però ce steva il funerale di terza classe e accussì puramente a pigliare un treno ce steva la terza classe laquale erano carozze tute uguale ma di lignamo passato a pulitura dove la gente puteva fare quatro chiachiere ca puro uno si era puglieso o calabbrese lu risucivi a capisce.

I signuri poteva saglie inta la prima classe ca teneva scompartimento separato ca si poteva fare puro qualche gesto oscene catù ti potevi chiude giranno la manovella. E poi ce steva la seconda classe addove saglievano spetelanzoni di publico impieco comaddire ca issi nun pacavano il buglietto come segno di distinzione ma nunnerano degni di fare le schifezze dela prima classe ca una vota uno senza buglietto ca sera perzo passavo e spostanto il pannetto addimannavo è la seconda chesta? e propetamente essa la uagliottola rispunnette Nun songo cazzi vostri.

Inzomma ti vulesse dice acchè serve la dimo grazia se dobiamo esse pefforza tuti uguale coi treni ca songo come una corriera tuti ansieme ca nun ti puoi girare pe pigliare pane e frittata perchene ti meti scuorno di fronte a certa gente ca spacca e mette ausole. Inzomma si vulezze ire a Milano nun ce stace un treno commodo di terza classe ma aggia piglià la freccia ca al solo penziere si si rompe una rota si salva chi può e per tutta chesta vermenara io aggia pavà puro un biglietto spiciale.

Listesso mi ricapitasse si io muresse ca nun ce stace chiu il serevizio di terza classe ma pefforza manna schiaffà inta nu tautu laquale sinfila inta nu machinone mericano ca laddinto ti manga il respiro e nun sei padrone di chiamare una caruzzella col cavallo ca si puro tintrunguleia ti porta a destinazione ca almeno durante il viaggio puoi uardare al panorama.

Ecchesto è succieso perchene la dimo grazia crestiana cera portato il progresso cola mangiatoia vascia e ci credevamo ca la vita era tuta una discesa e a destra e a manga ce stevano bancarelle di nucelle mericane e felle di melone ca ceravamo puro abbituato e ceramo fato una casa e ceramo accattate la tili visiona e il fornello del gasso cola bombola e lauto mobbile perchene la gente cambava assai e ce voleva ogni tanto uno scontro cò quatto o cingo muorti pè spopolare le terra.

Tu sentivi la nutizzia ti facivi una rattata e giustamente dicivi povera loro e biati a noi ca nunnè ricapitato annoi.

Una vota a pigliare il treno era una alecria perchene ti afaciavi al finestrino e salutavi a cani e puorci mò ai dastà chiuso e non puoi sapè si fore la gente stace immutante o tene il capotto. Eppò passi inta le stazione e sisiccazzo di legge addove ci troviamo il treno corre sulamente nun passa mango chilo ca spezza il buglietto anzi sapprisentano certi strinzi ca teneneno in mano il talefunino tifanno na uardata e girano a faccia comaddire ma che gente essì ti permitti salutare condicente come stati loro mango capisceno chesta forma di ducazzione civile.

Io maddimanno sulamente una cosa. Ma in caso di uerra la mia cara Italia che fine siamo condanato affare?

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L’EMIGRANTE