06/02/2014

Per Baldassarri un ritorno a Benevento

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/baldassarri.jpg

Il vero storico del calcio beneventano, Nicola Russo, in uno dei suoi preziosi volumi “Il Benevento e la sua storia”, ci ha fatto venire in mente un dolce ricordo: il nuovo tecnico Brini ha portato con lui un “secondo” con cui ha diviso negli anni passati tanti bei ricordi. Parliamo di Gabriele Baldassarri, che ora siede sulla panchina giallorossa insieme al tecnico di Porto Sant’Elpidio.

Certamente Baldassarri è un nome che non dice quasi niente per i tifosi più giovani, ma certamente molto per quelli un po’ più vecchi (ahimè, tra questi ci sono anche chi scrive e Nicola Russo!).

Dunque, il buon Gabriele (che mai ha dimenticato la nostra città, come subito ha dichiarato) è stato tra i protagonisti delle stagioni 1986/1987 e 1987/1988, e certamente molti non l’hanno dimenticato, essendo un idolo dei tifosi.

In quegli anni era un Benevento ed un calcio totalmente diverso.

Nella stagione 1986/1987 il Benevento venne ripescato in C1 grazie alla cancellazione del Palermo ed aveva in panchina Rosario Rampanti (ma il torneo era iniziato con i tecnici indigeni Antonio Ianaro e Carletto Fracassi). Alle spalle aveva una società con tante difficoltà, e soltanto grazie all’allora sindaco Pietrantonio si riuscì a mettere su un Comitato per cercare di salvare il salvabile a rifondarsi con l’impegno di un comitato formato da Antonio Tinessa e Giorgio Miceli, ma anche grazie all’aiuto dei vari Santamaria e Taddeo, ma soprattutto dell’amministratore unico Antonio Paglia. Era il Benevento di Gino Miele ed Antonio Napolitano, e degli atleti beneventani Cardillo, Ciullo, Corino, Milano, Iscaro, Zotti. Poi, accanto a Torchia, Sergio, Strino, Di Lascio, Birigozzi, Crialesi, c’era lui, Baldassarri, che disputò 21 gare con una rete messa a segno.

Poi, la stagione 1987/1988 con il Benevento in C2 e Maurizio Simonato in panchina e l’arrivo di Ernesto Mazzoni al timone della società. Una squadra formata quasi tutta da giovani, che comunque si faceva apprezzare per il grande carattere e l’attaccamento ai colori sociali

Abbiamo voluto ricordare così, grazie a Nicola Russo, il ritorno di Gabriele Baldassarri a Benevento, con l’augurio di poter finalmente realizzare un sogno: la promozione del Benevento nella serie cadetta. Del resto, Brini e Baldassarri sono specialisti… in colpi del genere.

Per ora, regaliamo ai nostri lettori una foto del Benevento dell’epoca, quello della stagione 1986/1987.

GINO PESCITELLI

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Calcio"