l'emigrante Società

Ti sono quasimente scritto questa lettera Carissimo cainate, al mio penziere lome nu povero strunzo la femena ca tene uppe pengulo ca il diavolo in perzona ca essa tene inta la panza e sfoca il fuoco dela foia e nun ciabbasta mai. Una volta la ducazione era ca la femana alotto erast accasa. A una certa ora tuti luomeni si trovavano soli in compagnia e issi parlaveno di femene e si arrapavano. Per passare larrapamento lumanit si sparteva ammet e certi se ne turnavano ala casa addove trovavano una mugliera ben felice dela sua fedelt perchene sis ca lome fedele nun dicenno mangamento tene sulo di guadambiare. Laltra met di uomeni ca restavano suli cera il casino ca era un negozio rispettabile addove si vendeva la donna giovane al cumando di una vecchia bardascia la quale sera passato tuto lesercito taliano e puro lo straniere. Al uomo sulo nun ci passava pela capa di sfotere le uagliungelle o le mame di figlio perchene alotto di sera esse sene stevano ala casa. Mi sai dire tu come face lome di oggi ca le femene esceno sole puro alunnece di sera e a meza notte una femena sola gira sola inta la machina cuna sigaretta mocca. E nunciabbasta perchene vaceno sole puro ala disco teca cat mi sai dire che cazzo pote succede in quella ammisca frangesca di culi che abballano e di gente ca si strefeca. Al mio penziere naturale ca succede ca uno vole la femena giovane e si essa nun vole io ci meno una curtellata e la tili visiona esce il giorno appresso condicente Nun si sape come ma stata trovata il catavero di una uagliottola tanto brava ca teneva solamente la vesta corta e nun teneva la mutantina. Permene si deve tornare tuti al casino Io paco e stongo sicuro e nisciuno accide chiu le criature innucente sulo ca il Governo adda mete lorario che alotto di sera tute le femene annast ala casa. Voglio vedene si il partito del prisidento Fino tene leppalle per fare una legge accuss. Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.
LEMIGRANTE