Ti sono quasimente scritto questa lettera Società

Carissimo cainate, io laggio sembre ditto ca vui Taliani sieti una maniata estrunzi e mi addono sembre chiu ca aggio raggione perchene nun si sape checcazzo vuliti anzi si sape ed ca vuliti solamente fotere. Ma sula facia dela terra nun ci stace chiu linalfa beto la quale nun sapenno legge e scrive si ammuccava tuto chelo ca ci dicevi. Puro Isso il Duce si credette ca ci abbastava cantare Faccetta Nera Bella Bissina aspetta e spera che gi lora savvicina etti daremo un altro Duce e un altrorr. Amm mi pare ca le belle Bissine si anno imbarato a parlare lingreso essene foteno dela mia cara Italia. Il popolo Taliano si imbarato a fotere la gente e il mondo sen addonato. Prima il popolo Taliano era schifato perchene abiamo stato puzzolento e tratitori non dicendo ca ievamo appresso ale femene ca le femene nostre nun dovevano essere di nisciuno ecch ti pare. Ma almeno prima il popolo Taliano era faticatore isso era cazzo di stare diciotto ore co il sciamarro immano e tirava carriole chiene di prete e portavano cuofeni di rena sotto e sopra e matuni affare passamano per costruire i palazzi in Germania in Belgio in Frangia eccheccosa abbiamo stati cazzi di fare alla Merica. Mo tuto finito. Il popolo Taliano non vole ca si faceno le galerie di un treno ca un domani face tremare il mondo indero. Misiccapito? Sotto una mondagna ca una mondagna di prete ca nun serve annienti si potesse fare una galeria da come fosse daqu a Caserta tutto un pertuso di terra ca cuanno chiove si stace ala sciutta e nun dai fastidio a nisciuno e nun si sente remore e tanti miliardi di lavoratori co il sciamrro e miliardi di carriole e miliardi di cuofeni si potessero costruire per dare pane e lavoro a miliardi di Taliani. Enn, la popolazione ave ditto ca isso nola vole la galeria. Ma noi che abiamo lavorato ala Germania e abiamo i calli ale mane per non dire del catarro ci face schifo ca la mia cara Italia si arredutta can un capisce manco nucazzo. Iati avanti continuati accuss statevi cole panze al sole. Arriver il giorno ca mentre stati cole panze al sole quei negri ca vi venneno le cullanine dicerranno: Popolo Taliano sieti tuti priggio nieri. E voi aunate i panni e solamente accuss accumingiati a fati. Accuss al ordine dei negri ca al mio penziere il Duce nela tomba ce vene arrire. La mia cara Italia al ordine dei negri. Sai chetti dico? Portace assorema e facci sapere perchene si a essa ci piace vene addice ca il putanesimo delle donne ci conguister. Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute. LEMIGRANTE