Ti sono quasimente scritto questa lettera Società

Carissimo cainate,

vengo avvoi con tuto il quore ca stato grande il dolore dela morta dela cumma rella Filomena ca tanto ci abiamo voluto bene pe tuta la vita ca eravamo creature e essa ci faceva luovo sbatuto cola marzala aluovo ecci faceva tanto bene ala debbo lezza delo sviluppo.

La cumma rella Filomena era una femena cuicazzi ca teneva abbacchetta a tuti li uomeni dela casa e nisciuno sgarrava. Femene cuma la cumma rella Filomena nonge nestanno chi.

Nunnaggio capito checcazzo ave ditto lu prevete da coppa altare condicente ca la cumma rella Filumena era vergene.

Ess cazzi dela gente si la cummara era vergine oppura mente si faceva la putana? Si essa si era confessata si doveva tenere il secreto e si nunnera vergene nolo ieva dicenno a tuto il popolo ca si mete sulo zizza nia ala famiglia.

Amm mi pare che questi preveti nun si fanno i cazzi loro ca sarria di dicere la messa e confessare senza arrapare e fare sposalizi e murticielli. Per tuto il resto il prevete deve fare vita di sana morale e nunnadda sap si le femene di una certa et songo vergene o songo putane.

Chesto si pote sapere dele giovane ala quale il prevete senza fare il vizioso deve spiecare lo stato dumunno.

Quanno giovane la femena deve esse vergene perchene accuss pote fotere luomeni ca ci mete lochio pe un matrimonio di commenienza.

La femena adda esse vergene inzomma p ingulo al uomo ca sela sposa.

Ma quanno nun g speranza di matrimonio att prevete chette nefote si essa vergene almeno che tu nun vuoi fa sap ca ce lai vista a essa e alora si puro strunzo ca si ce lai vista senza tocarla si strunzo duie vote cai sei unonzivato edde pravato ca io da mano att mango lostia mi pigliasse.

Al mio penziere ci dovessimo fare una bela tompa ala comma rella Filomena condicente una bela scrita sula preta di marmo ca propetamente savessa scrive accuss

Qui ciace
Perche la morta laccugliuta
Chela bela vergene
Da la cumma rella nostra
Filomena
Ca sembre andiede ala Chiesia
Effece tanto bene al monto
Essi fece sembre i cazzi suoi

Pe la preta di marmo ca vulesse di marmo di Vitu Lano ti aleco una carta di centomila lire di leura ca ti pote abbastane e chello ca sopra ci meterai tante cannele fino ala struizione di tuta la cera.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute coma la cumma rella Filomena.

LEMIGRANTE