Ti sono quasimente scritto questa lettera Società

Carissimo cainate,

non mi fazzo capace di cambare miezo a una maniata estrunzi capò si dice ca pariamo un greggio di pecore condicente ca iamo appriesso ala tili visiona come se le pecore fossero cretine e immece esse vaceno tranguille appriesso al zimmero caè il capo per non parlare del cane ca subbito corre a secutare qualche pecora sperza mendre il pecorale tene il comando della situazzione col segno dela piroccola ca puro larci vescolo cuanno predica tene una mazza longa inta le mane afforma di piroccola.

Al mio penziere lome si crede deritto cuanno sfotte ale pecore e nun saddona ca isso è chiu strunzo dele pecore ca è immece un animale indeligente per il fatore pringipale ca nun si crede cuanno noi canosciamo tanti strunzi duommeni ca si credono chisacchì.

Pensa quale speranza teneno le figlie femene si continua sta iacuella dela richioneria intrezzata al putanesimo dele donne. I masculi da una parte nun cela faceno a trovare un riparo ala sfasciataggine dela femena ca vulesse tenere accomando alome nun sulo cuanno nasce ma puro cuanno è addeventato maggiorente. Sipò il masculo Taliano sabbitua ca certe cose le pote fà puro co unaltro uomo diciamo accussì con un combagno di scola come pure è succieso al siminario dei preti ca il papa imbersona celè cantate mi sai dice chi ce resta pè sodisfare le nostre figlie femene cuanno sarrà il momento dinzorarsi?

Lata vota mera asciuta lidea ca si potesse fare un Partito Marioliggine e Putanesimo e mi addono ca mero scordato chesta altra dinominazione dela Richioneria Dimo Gratica. Per bar condicio nela mia cara Italia ciannastà almeno dui grandi muvimenti di popolo ca ale prossime lezzione sadda vedè chi venge.

Embé al mio penziere il popolo Taliano risulta due mappate di strunzi da una parte ci metesse Marioliggine e Putanesimo e dalalto ci metesse Richioneria Dimo Gratica. Tu vuoi sapere chi vingesse ale lezzione. Io ti risponno ca chi venge venge alla fine si mettessero tuti daccordo e si facesse unammesca frangesca ca già il Pataterno imbersona celo dicette tanti secoli fà ai dodici apostoli Veranno giorni ca pochi si salveranno ecci resteranno soli gli ochi per piangere.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE  

Altre immagini