Calcio Serie B, Ascoli - Benevento una gara difficile tra due squadre in crisi Sport

Dopo la settimana di sosta per gli impegni della nazionale è ripreso ieri sera, con l’anticipo serale Cremonese - Verona, il torneo di Serie B.

E sarà per tutte le squadre una settimana davvero difficile, se consideriamo che martedì prossimo ci sarà il turno infrasettimanale e, quindi, il programma prevede tre gare in una settimana. Questi gli appuntamenti dei giallorossi: oggi pomeriggio (inizio alle 15.00) si giocherà al “Del Duca” di Ascoli, poi martedì 2 aprile al “Vigorito” sarà di scena il Capi, infine sabato 6 alle 18.00 trasferta al “Curi” di Perugia. Come si può vedere veramente una settimana cruciale per l’undici di Bucchi, reduce da tre sconfitte consecutive e che assolutamente deve rialzare la testa.

Come pure non sarà neanche facile l’appuntamento per l’Ascoli di Vivarini, reduce da numerosi risultati negativi, ma soprattutto dalla “scoppola” subita a Lecce, nella gara di recupero, dove i bianconeri sono stati sconfitti con un sonoro 7-0, che ha costretto la società a mandare la squadra in ritiro.

Sono queste le ragioni per le quali l’incontro di questo pomeriggio deve essere considerato un appuntamento difficile per entrambe le formazioni, da affrontare con la giusta cattiveria agonistica.

In casa Benevento c’è da vedere se la settimana di sosta ha permesso a Bucchi di risolvere qualche problema dopo le tre sconfitte consecutive che, indubbiamente, hanno lasciato il segno. Nella tradizionale conferenza stampa pre-gara il tecnico si è dimostrato fiducioso, ma, come sempre, la risposta la darà solamente il campo.

E’ probabile che ad Ascoli l’allenatore apporterà qualche variazione alla formazione, ed ha già annunciato che della partita sarà certamente Del Pinto, che ritroverà un posto a centro campo, forse insieme a Viola e Bandinelli. Questo vuol dire che Crisetig e Buonaiuto dovrebbero questa volta partire dalla panchina. Quindi si dovrebbe cambiare in un settore importante. Per il resto la difesa dovrebbe essere ancora a tre con Caldirola, Antei e Tuia, o Di Chiara. Avanti a Montipò. Sulle fasce certa la presenza di Letizia, l’altra maglia se la contenderanno Maggio ed Improta. In avanti la coppia Coda - Insigne. Questo almeno si è capito alla vigilia, anche se alla fine Bucchi potrebbe cambiare qualcosa, anche per quanto il modulo, con una difesa a 4, un centrocampo a 3 ed un trequartista alle spalle delle punte Insigne e Coda. E se ci sarà per i giallorossi un calcio di rigore è certo che questa volta non sarà Coda a tiralo, dopo averne sbagliato già tre.

Insomma, ad Ascoli ci potrebbe essere un Benevento diverso, che punta a raggiungere le cento reti nel campionato di Serie B. Per ora ai giallorossi manca un solo sigillo.

Anche i bianconeri di Vivarini non se la passano bene. Certamente saranno assenti gli squalificati Ganz, Addae e Ninkovic, ma bisognerà fare molta attenzione agli ex Padella e Ciciretti.

Al “Del Duca” fischierà una vecchissima conoscenza della “Strega”, Gianluca Aureliano, avvocato 30 anni, della sezione di Bologna. Un arbitro dal rigore facile, come dicono le statistiche, e questo è un motivo in più per fare molta attenzione. Ben 11 i precedenti con il Benevento, l’ultimo in questa stagione con la vittoria per 3-2 in quel di Venezia con doppietta di Bandinelli e rete di Tello. Per il resto 4 vittorie con Aureliano (Carrarese - Benevento 0-3, Benevento - Carpi 3-0, Benevento - Ternana 2-1, Venezia - Benevento 2-3), 3 pareggi (Benevento - Frosinone 0-0, Latina - Benevento 1-1 e Benevento - Perugia 0-0) e 4 sconfitte (Benevento - Barletta 1-2, Tritium - Benevento 2-1, Viareggio - Benevento 2-1 e Udinese - Benevento 2-0 in Serie A). Cinque precedenti con l’Ascoli con 3 vittorie e 2 sconfitte.

Collaboratori di linea Marco Scatragli di Arezzo e Filippo Bercigli di di Valdarno, IV uomo Paolo Bitonti di Bologna.

GINO PESCITELLI