Calcio Serie B, ufficiali le date di play off e play out. La situazione del Palermo pone tanti dubbi Sport

L’assemblea di Lega di Serie B ha ufficializzato le date di svolgimento dei play off e play out, che decideranno l’ultima promozione in A e l’ultima retrocessione in Lega Pro, che di seguito ricordiamo:

PLAY OFF TURNI PRELIMINARI

Venerdì 17 maggio ore 21.00 sesta classificata contro settima classificata

Sabato 18 maggio ore 21.00 quinta classificata contro ottava classificata

SEMIFINALI DI ANDATA

Martedì 21 maggio ore 21.00 sesta/settima contro terza classificata

Mercoledì 22 maggio ore 21.00 quinta/ottava contro quarta classificata

SEMIFINALI DI RITORNO

Sabato 25 maggio ore 21.00 terza classificata contro sesta/settima

Domenica 26 maggio ore 21.00 quarta classificata contro quinta/ottava

FINALE DI ANDATA (in casa della peggior classificata)

Giovedì 30 maggio ore 21.00

FINALE DI RITORNO (in casa della miglior classificata)

Domenica 2 giugno ore 21

PLAY OUT

Gara di andata domenica 19 maggio ore 18.00: sedicesima contro quindicesima

Gara di ritorno domenica 26 maggio ore 18.00: quindicesima contro sedicesima

E’ utile ricordare che nelle gare di play off e play out ci sarà anche il VAR.

Tutto deciso? Sembra proprio di no.

Infatti le formazioni cadette interessate sia ai play off che ai play out sono sul piede di guerra e chiedono urgente chiarezza, ed anche in tempi brevi.

Tutta “colpa” della situazione del Palermo, sul cui capo pende un deferimento della Procura Federale con l’accusa, abbastanza grave, di “falso in bilancio negli ultimi tre anni”. Cosa, questa, che sarebbe già stata accertata dalla Procura della Repubblica di Palermo, che ha nel mirino da tempo Zamparini ed i suoi più stretti collaboratori.

Le società di Serie B, sulla scia di quanto successo lo scorso anno per il Bari, penalizzato e retrocesso, chiedono che la situazione dei rosanero venga decisa in modo definitivo prima dell’inizio dei play off e dei play out. Ed il motivo è semplice: una volta iniziati gli spareggi, una eventuale penalizzazione o retrocessione dei siciliani verrebbe scontata nel prossimo torneo (come successo per il Bari) e l’attuale regolamento, qualora la formazione di Delio Rossi dovesse centrare la promozione, porterebbe al ripescaggio della terzultima del campionato di Serie A.

La decisione ora tocca al Tribunale Nazionale Federale, chiamato a sbrogliare si spera nel più breve tempo possibile una vera e propria matassa.

A fare pressione sul Tribunale Nazionale Federale soprattutto i club in corsa per la terza ed ultima promozione in A attraverso i play off, che hanno già minacciato di essere pronti anche a non scendere in campo qualora i tempi di giudizio dovessero andare per le lunghe, come verificatosi nella scorsa stagione. Insomma una situazione già abbastanza infuocata.

E’ facile comprendere che l’attuale situazione interessa soprattutto il Benevento che nelle ultime due giornate (contro Padova e Brescia) si gioca con il Palermo il terzo e quarto posto, tenendo nel mirino, perché no, anche il Lecce.