Le partite della verit Sport

Indubbiamente molti tifosi giallo-rossi domenica scorsa hanno abbandonato il S.Colomba con il classico magone per il risultato finale di 0-0 della gara contro la Cavese, maledicendo quellassistente dellarbitro che aveva fatto annullare il goal, regolarissimo, dei giallo- rossi, o anche il centravanti Belmonte per quel gol malauguratamente sbagliato, ma non possiamo sottacere il fatto che alla fine il risultato ad occhiali sembrato il pi giusto. Infatti, sullaltro piatto della bilancia la Cavese ha potuto mettere il palo colpito, a portiere battuto, ed anche un pallone che forse aveva superato la classica linea bianca di porta. Insomma, un gol valido non visto, guarda caso, dallo stesso segnalinee che aveva fatto annullare ingiustamente la segnatura dei beneventani. Insomma, alla fine lo 0-0 sembrato il risultato pi giusto, dal momento che, ad essere obiettivi, le due squadre si sono equivalse, dimostrando di essere forse le pi forti del lotto, anche se allo stato la promozione diretta in C1 sembra un affare a quattro tra Sansovino, Benevento, Sassuolo e Cavese. E vero che fino a questo momento lattuale capolista, Sansovino, ha quasi rasentato la perfezione, ma c da dire che ha sempre fallito gli scontri diretti, ed ora dovr affrontare la Cavese, alla sedicesima giornata. Archiviato, dunque, il derby contro la Cavese, c soltanto da elogiare atleti e tifosi per lottimo spettacolo offerto sia in campo che sugli spalti. Tutti parlavano di partita a rischio, ma alla fine nessun incidente ha turbato una giornata in cui si pu dire che veramente ha vinto lo sport. Questo, lasciatecelo dire, un fatto che non pu che far piacere ed sintomo di grande civilt. E veramente non riusciamo a capire perch, dopo un paio di giorni, il giudice sportivo ha multato, ed anche fortemente, sia Benevento che Cavese. Una decisione inconcepibile, che stigmatizziamo e condanniamo che certamente non fa bene allo sport. Domenica scorsa, intanto, il torneo rimasto fermo per una domenica e mai come in questa occasione la sosta giunta opportuna per il Benevento, non soltanto per recuperare gli acciaccati (soprattutto Desole) ma anche per permettere a Gabetta di integrare nellorganico gli ultimi due arrivati, Rinaldini e Tchangai. I due nuovi giallo- rossi hanno gi esordito contro la Cavese (il difensore per lintera gara, il centrocampista nel finale), ma indubbiamente una settimana di lavoro insieme agli altri compagni far senzaltro bene. A questo punto c da dire che dopo larrivo degli ultimi due rinforzi mister Gabetta ha a propria disposizione una rosa quasi completa, per cui alla riapertura del mercato di gennaio poco dovr essere fatto. Si dice che parecchie squadre dovranno essere rivoltate, ma questo discorso potrebbe non interessare il Benevento, anche se Buda ha gi detto che la societ rester alla finestra pronta ad intervenire. Bisogna anche aggiungere che la sosta giunta propizia per permettere una preparazione un po diversa, in modo da affrontare nel migliore dei modi due partite, entrambe in trasferta prima a Foligno e poi ad Ancona, che alla fine potrebbero dimostrarsi importanti per il futuro della squadra e per la rincorsa a quella prima posizione persa dopo il pareggio contro la Cavese e la vittoria del Sansovino a Gubbio. Questo anche perch domenica ci saranno partite importanti: la capolista Sansovino affronter la Spal, che naviga nelle zone alte delle classifica, il Sassuolo si dovr recare a Forl, la Cavese dovr affrontare un Gubbio in risalita. Insomma, gi da domenica prossima tutto diventa ancora possibile con il torneo che riparte con una giornata importante.
GINO PESCITELLI