Previsioni meteo, Mastella tuona contro la Protezione Civile: ''Hanno preso un granchio. Risibili le loro scuse'' In primo piano

Il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, interviene sulla questione delle allerte meteo e delle relative ordinanze scagliandosi contro la Protezione Civile regionale.

Confermo quanto detto ieri al giornalista che mi ha contattato riguardo la richiesta di chiarimenti da me fatta al dott. Pinto della Protezione Civile - tra l’altro in presenza di testimoni - in ordine all’eventuale presenza nel Sannio, e quindi a Benevento, di raffiche di vento tali da richiedere l’adozione di provvedimenti a salvaguardia dell’incolumità pubblica.

Del resto, al di là delle risibili argomentazioni addotte dall’ufficio stampa della Protezione Civile regionale, resta il dato incontrovertibile che il bollettino emesso in data 26 marzo indica per la Zona 4 (Alta Irpinia e Sannio) la presenza di “venti forti nord-orientali, con locali raffiche”, oltre che un livello di allerta verde per quanto attiene invece la sola criticità idrogeologica e idraulica.

Appaiono quindi risibili, oltre che offensive sul piano dei rapporti istituzionali, le considerazioni espresse dall’ufficio stampa della Protezione Civile regionale, anche perché è ovvio che per la zona 4 non c’erano riferimenti al mare agitato visto che l’Alta Irpinia e il Sannio non mi pare che abbiano sbocchi sul mare.

Mi rendo conto che in materia di previsioni meteorologiche possa capitare qualche infortunio ma è grave che poi si cerchino giustificazioni ricorrendo a delle vere e proprie mistificazioni. Alla luce di quanto accaduto, quindi, chiederò spiegazioni direttamente al presidente della Giunta Regionale della Campania e gli esporrò quanto espresso ieri, assieme al collega sindaco di Caserta, circa la necessità non più derogabile di definire un quadro di riferimento che si avvicini non alla certezza ma che comunque consenta di evitare clamorosi infortuni previsionali”.