Ti sono quasimente scritto questa lettera Società

Carissimo cainate,

caminando sotto le cerze di don Gilormo mevvenuta ammente di cuanno cera stato i bomba ardamenti e le cerze non cera tiempo ca potevano restare petterra perchene cera due catecorie ca sele dovevano achiapare e cheste catecorie era luomo e lu puorco.

Al mio penziere si pote dice lu puorco perchene è la parlata del povero essi dice il maialo cuanno parla il signore ricco ca tene i sordi. Ti voglio dice ca io capisco la differenzia tra il maiale e lu puorco caè la stessa cosa. Chelo ca nun capisco è perchene nela lingua Taliana sadda dice la quercia cuanno si parla dela chianta e sadda dice la chianta cuanno si parla del frutto dela quercia.

Al mio penziere curieggimi simi sbaglio è meglio il dialetto ca tene una sola parola caè propetamente la cerza col quale nun ti puoi sbagliare perchene si dici aggio dato a magnare le cerze alu puorco tu capisci ca nun ciaggio dato a magnare larbero perchene tu ca nunsì strunzo lai capito subbito.

Ma a proposito dele cerze di don Gilormo ti vulevo fare un raggio namento serio. Ma ti pare giusto cà coi uai ca teniamo nun si trova nustrunzo di ministro non dico prisidento ca si allicorda ca cole cerze nun sulo si poteno sbafare i puorci ma propetamente cole cerze si pote fare adderittura il cafè.

Camò ti spieco. Si aunano le cerze ca staceno petterra eppò si fanno asciucare al sole e cuanno songo addeventate gialle come addeventano gialle le fiche cola quale si faceno i zicculi ca songo pretamente fiche seccate al sole ca prima si facevano ingasa emmò saccattano al Supremmercato. Accussì è succieso puro per il cafè. Prima si accatavvano laceni di cafè eppò sabbrustuleva eppò si ammacinava. Ti voglio dice ca la gente le cose sele faceva cole sue mane propie.

Accussì savessafà puro per sparambiare a aiutare il prisidento Monte ca mi pare ca nunnè capito angora addò cazzo lanno menato quei marpioni ca nun voleno scenne da cavallo etti raccomanno tanto a Fino. Alora si pigliano le cerze ca si songo assucate e si mete nelo brustulaturo caé una tiella spertusata cò un copierchio ca siggira inta la tiella ecchesto è il brustulaturo. Cuanno le cerze si songo abbrustulute tu tene adduoni perchene inta la cucina sè fatto tuto una fumera e si sente il profumo dellabbruciata.

Acchesto punto la cerza è addentata cafè e alora si mete nel macinino e siggira fiacché nunnè addeventato tuta poreva e chesta poreva ca da cerza è addeventata cafè lamette nela ciculatera co laqua vullente e ammiscato aqua vullente e farina brustuluta di cerza tu ti vivi un café ca quale Kimbo e Pasa Laqua.

Per tuta la uerra noi col cafè di cerza ci abiamo cresciuti e nun mi pare ca abiamo fatto una mala riuscita. Songo chilli ca ànno venuti doppo ca sanna mette la faccia inta lammerda.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE