Ti sono quasimente scritto questa lettera Società

Carissimo cainate,

gira e riggira nonsè capito coma mai la mia cara Italia ave fatto una figura dimmerda cola nave di crociere ca cè ricapitato uningi dente la quale mentre erano tuti felice eccondenti era iuta affenire mieza a certe prete inta laqua del mare ca sarieno i scogli. Cuanno ce steva Isso il Duce Musellino mai eppoi mai una nava combattende bantiera Taliana avesse fatto una fine in gloriosa.

Prima di colare appicca perlomeno avesse inter venuta la Marina Militare e fosse arivato il somer gibbile ca mentre sparava un siluro parteva pure la Decima Massa del comandante Borghese condicente Annoi Avanti Savoia.

Mai eppoi mai cuanno ce steva Isso il Duce Musellino una nava di quela posta savessa affunnata inta tre litri daqua di fronte ala spiaggia emmeno male ca nunnè succieso ala staggione chisà quanta gente avesse iuta al pronto soccorso pela paura timmaggini tu ca ti vene inguollo nu palazzo etti cade da tute le parte uommeni alicante e femene pittate.

Perchene chesto sè saputp ca niente emeno inta la nava si steva facenno una festa e si sape ca cuanno ci stace la festa ognuno sadda mette il vestito di festa. I giurnali e la tili visiona non fanno altro ca parlare dela nava e adderitura sè visto ca un marinaio avea ditto al cumannante matù che cumannante sei si ti truovi petterra e cè ditto puro un parola grassa come addire ma attè chicazzo tè fatto cumannante

La cosa bella siè ca il marinaio cola forma di surdato vuleva sapè dal comandante cola forma di civile cuanti muorti cera stato e isso rispunnette E lu vuoi sapere damè ca io coppa ala nave nun ce stongo chiù e puro io songo chiu muorto che vivo.

Pò songo arivati il ministro eppò chillo ca stace al posto di Bertolaso eppò viggili pombieri eppò uardie di finanze e nunsè capito chiu nienti. Fiacché nunsè saputa la verità.

Il cumannante di una nava di crociera tutto face meno che guidare la nava. Pepprima cosa isso saddafà una fotografia cò ogni viaggiatore e si ci stace una famiglia cule criature saddafà tante fotografie cuante songo le criature eppò adda stà sempre alliccato sicché tene tante giacchette tutte ianche cuanti sono i paseggieri. Insomma cuanno è succieso lufatto il cumannante nunnera angora fenuto di fare le fotografie.

Pò sessaputo che steva appriparando una fotografia particolare cò una straniera di razza bionda ca doveva fare il giro del mondo. Camò ti spieco chello chè succieso.

La uagliottola nun parlava bene la lingua Taliana e si barcollava nupoco cole brazze e cola capa movente anche nu poco le spalle sicché lu cumannante sera distratto cuanno propetamente essa cola bocca cera fatto una risella.

Angora una volta una tracedia sè svilupata nela storia delumanità per il putanesimo dele donne.

Tu riri ma intanto cuanno una donna vuole è cazza di fare affoca puro nu bastimento ammare.

Tu vuoi sapè come avesse fatto Isso il Duce Musellino. Io ti risponno come faceva. Niente donne abbordo. Ma pecché sarrieno strunzi i monaci ca si songo invendato la clausura accussì poteno dice co tuto il rispetto ala donna Tu nuncià rompucazzo.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE