L'OFB suona gli arrangiamenti dei Queen Cultura

Nel Teatro Romano sold aut, l’OFB, si è cimentata con il rock nel concerto “BOHEMIAN FANTASY “Symphonic Queen Tribute, per riproporre 12 tracce del gruppo britannico, che ha acceso per molti anni le luci della ribalta internazionale con i suoi successi intramontabili, cantati ancora oggi dalle nuove generazioni.

Il mitico gruppo musicale si forma nel 1970, nella città di Londra, inizialmente si esibisce sui mega palchi con il pianista ed il cantante Freddie Mercury, il chitarrista Brian May ed il batterista Roger Taylor. Solo nel 1971, la storica formazione si completa con il bassista Jhon Deacon.

Il pianista palermitano, Giuseppe Andaloro ha arrangiato i brani, sul podio a dirigere l’OFB il Maestro Giuseppe Lanzetta, originario di Montercorvino Rovella (SA).

In scaletta: “The show must go on”, “We will rock you”, apprezzato dal pubblico con il battito delle mani durante l’esecuzione, a seguire il noto “We are the champions”, “Killer Quuen”, “Don’t stop me now”. Nella sesta traccia “Love of my life”, il Maestro Andaloro entusiasma per la sua tecnica pianistica, il suo assolo precede il movimento degli archi e gli strumenti a fiato.

Il concerto prosegue con “Who wants to live foerver”, perfetto l’arrangiamento, ancora coinvolgente il brano “I want to brak free”, l’OFB suona “I want it all”, “Bycicle race”, “Somebody to love”. L’ultimo pezzo “Bohemian Rhapsody, considerata dai critici tra le migliori canzoni di tutti i tempi, i cellulari hanno illuminato il Teatro e reso un’atmosfera struggente.

Terminato il concerto, è stato riproposto il bis “We will rock you”, riuscito ancora meglio della prima esecuzione, l’OFB si è sciolta dando prova del suo incommensurabile talento.

Non è mancato il tributo ad Ennio Morricone, il solo pianoforte suonato mirabilmente, il Maestro Andaloro, muovendo i tasti neri e bianchi dello strumento ha incantato ed emozionato il pubblico.

E’ intervenuto il Maestro Giuseppe Lanzetta, evidenziando: “Avete la fortuna di avere un’orchestra favolosa. Io sono salernitano, terra arida di musica. Sostenete l’orchestra”. Egli ha rivolto i complimenti ad Agostino Napolitano (clarinetto), a Vittorio Coviello (flauto), ad Emilio Mottola (vioncello).

L’OFB esegue “Don’t stop me now” e “Bohemian Rhapsody”, in un crescendo ritmico e all’altezza delle sue notevoli potenzialità.

Le musiche dei Queen, del 19 luglio 2020, rimandano allo scorso anno, nel medesimo giorno, l’OFB è stata diretta dal compianto ed ineguagliabile Maestro Enzo Bosso, nel teatro Romano pieno fino all’inverosimile. Nessuno avrebbe immaginato che la sua esistenza terrena fosse terminata prematuramente, lasciando un vuoto incolmabile.

A conclusione dell’evento, il Maestro Mottola ha rimarcato: “La nostra è stata una scommessa riproporre i brani più conosciuti della inglese, senza alcuna voce, solo con le sonorità dell’orchestra sinfonica e del pianoforte. Un ‘azzardo’ che - stando al clima generale della serata e alla risposta di pubblico e di critica - ha dato i suoi frutti, grazie al lavoro preciso e puntuale di rielaborazione, effettuato dal Maestro Giuseppe Andaloro (oltre al suo virtuosismo strumentale) e alla direzione del Maestro Giuseppe Lanzetta, grande trascinatore ed eclettico musicista”.

Il violoncellista ancora aggiunge: “Non possiamo far altro che continuare ora, completamente proiettati verso i prossimi appuntamenti del 25 e del 27 luglio, del 3 agosto con Max Gazzé e, notizia di poche ore fa, della nostra prima partecipazione al cartellone del Ravello Festival, il 12 settembre 2020”.

NICOLA MASTROCINQUE