Assunzioni al McDonald's, Di Dio: ''Un'altra presa in giro'' In primo piano

Parla di “schiaffo in faccia alla città” il consigliere comunale Italo Di Dio, in merito alle tanto sbandierate selezioni per l’assunzione di 40 giovani al McDonald’s di Benevento, ma inspiegabilmente chiuse dopo appena 22 ore dalla diffusione della notizia.

Selezioni che, invece, avrebbero dovuto essere aperte fino al prossimo 23 ottobre.

Per Italo Di Dio “siamo di fronte ad un Decathlon bis!”.

Pubblichiamo qui di seguito la nota in forma integrale.

Davvero non riesco a spiegarmi come sia possibile che dopo appena 22 ore dalla diffusione della notizia dell’apertura delle selezioni per 40 assunzioni al McDonald’s di Benevento, queste risultino già chiuse. A coloro che provano a registrarsi ed inscriversi, questa mattina già viene comunicato che le selezioni McItalia Job Tour per Benevento si sono concluse!

Ma è possibile illudere le persone così? E per giunta in una città oberata dalla disoccupazione e dalla conseguente desertificazione per la continua emorragia di giovani alla ricerca di un lavoro?

Io sono senza parole.

Tra ieri e oggi i giornali riportavano la notizia con la possibilità di accedere alle selezioni fino al 23 ottobre e stamattina scopriamo che è già tutto finito! L’opportunità è già evaporata a vantaggio non si sa di chi! Un’amministrazione seria e coerente in questi casi prende provvedimenti e non consente ad una multinazionale che si prendano in giro i giovani inoccupati della città.

Un’amministrazione attenta allo sviluppo occupazionale del territorio dovrebbe quanto più possibile garantire opportunità di inserimento che favoriscano l’assunzione di giovani residenti!

Bisogna chiedere spiegazioni urgenti all’azienda e dare la possibilità a tutti i giovani beneventani di partecipare, altrimenti non saremo in grado di eliminare nella nostra testa la convinzione che siamo di fronte ad un Decathlon bis!

Dove nessuno è stato capace di presentare una candidatura, di stabilire il criterio di selezione adottato. Questo rappresenta l’ennesimo schiaffo in faccia alla nostra città da parte di affaristi senza scrupoli che pensano solo al loro tornaconto”.