Calcio, per il Benevento un doloroso addio alla Serie A In primo piano

Il pari sul risultato praticamente ha condannato in modo definitivamente il Benevento al ritorno in Serie B. Una vera e propria beffa dopo il buon girone di andata e nulla faceva presagire un epilogo del genere.

Soltanto con una vittoria della Lazio il Benevento avrebbe potuto almeno ancora sperare dal momento che domenica sera ci sarà Torino - Benevento, a questo punto del tutto inutile. I granata restano in A, il Benevento va in B, con buona pace di tutti.

A questo punto fare processi è senz’altro prematuro, anche se indubbiamente gli errori commessi sono stati tantissimi, al di là di qualche “furto” certamente subito. La nuova retrocessione è stata dovuta ai tanti errori fatti nel costruire la squadra, e sul banco degli imputati soprattutto Foggia, l’allenatore Inzaghi che alla fine non ha capito più nulla, tantissimi giocatori che erano considerati importanti e che avrebbero dovuto fare la differenza. Pochi quelli da salvare. Per la maggior parte un futuro non facile per quanto dimostrato con la maglia giallorossa certamente non onorata nel modo migliore.

Tra poco inizieranno i… processi, con una solo fatto positivo. Vigorito ha ufficialmente fatto sapere che resterà anche se c’è bisogno di una rifondazione. Inzaghi naturalmente andrà via, per Foggia si vedrà ma la sua posizione è tutta da valutare.

Insomma già si comincia a pensare al futuro, però tutto da costruire dopo l’immensa delusione.

Domenica si chiude a Torino per una gara pro forma. Quale Benevento scenderà in campo? Può darsi la Primavera e senza Inzaghi in panchina…

GINO PESCITELLI

Foto di Arturo Russo per Realtà Sannita ©