Calcio Serie B, Benevento all'ultimo respiro... Supera il Cosenza e conquista la testa della classifica In primo piano

La “Notte delle Streghe” al “Vigorito” ha avuto inizio con qualche ora di anticipo! E veramente è stata necessaria una strega per permettere a Maggio e compagni di superare in pieno recupero il Cosenza, grazie ad una rete di Armenteros sceso in campo circa un quarto d’ora prima al posto di Sau.

Insomma, quando mancavano un paio di minuti al fischio finale dell’aquilano Dionisi, erano stati sei quelli concessi, ci ha pensato l’ultimo uomo sceso in campo a chiudere in favore dei giallorossi una gara molto complicata, come del resto Inzaghi aveva previsto alla vigilia.

Sarà stato il gran caldo o forse la giornata negativa di tantissimi giocatori, ma certamente non si è visto il Benevento che tutti avevano ammirato nella vittoria conquistata a Salerno. Il resto l’ha fatto il Cosenza, che è sceso in campo con la sola intenzione di disputare una gara quasi tutta difensiva, anche se in qualche occasione ha creato pericoli all’esordiente Manfredini, che all’ultimo momento ha dovuto sostituire l’influenzato Montipò, non presente neanche in panchina. E c’è da registrare con piacere l’attenta partita disputata da Manfredini, che certamente non ha fatto rimpiangere il titolare.

E con i tre punti conquistati contro i calabresi Maggio e compagni hanno raggiunto la testa della classifica, anche se in coppia con l’Entella, che a Pescara non è andata oltre il pareggio.

Forse è propria questa la nota più positiva della gara, perché per il resto si è visto un Benevento stanco e poca lucidità. Pochissime le occasioni da rete, anche se in paio di occasioni gli errori commessi sono stati davvero gravi. E ci riferiamo alle occasioni sbagliate da Improta ma soprattutto da Coda. E meno male che alla fine è stato Armenteros a far sorridere i tifosi, ma certamente per la gara riavvicinata di martedì prossimo contro il Pordenone molte cose dovranno cambiare.

Come preannunciato alla vigilia davvero pochi i cambiamenti rispetto all’undici sceso in campo a Salerno. Praticamente dal primo minuto è sceso in campo soltanto Improta al posto di Tello, per il resto obbligatoria la presenza del portiere Manfredini al posto dell’influenzato Montipò. Poi ad inizio di ripresa Antei ha preso il posto dell’infortunato Volta, poi Kragl è entrato per Improta mentre Armenteros ha sostituito Sau. Ed è stata proprio questa la mossa vincente ed anche fortunosa, anche se forse il Cosenza avrebbe meritato di tornare a casa con un punticino in più in classifica.

Ora neanche il tempo di rifiatare e di godersi la testa della classifica che martedì sera sarà nuovamente campionato per il primo turno infrasettimanale. I giallorossi dovranno affrontare il Pordenone ad Udine. Quasi certamente Inzaghi dovrà operare il turn over perché il Benevento visto contro il Cosenza è apparso stanco in uomini importanti.

Ecco i risultati della 4ª giornata:

Frosinone - Venezia 1-1

Benevento - Cosenza 1-1

Pescara - Virtus Entella 1-1

Cremonese - Crotone 2-1

Juve Stabia - Ascoli 1-5

Livorno - Pordenone 2-1

Spezia - Perugia 2-2

Empoli - Cittadella 1-0

Chievo Verona - Pisa 2-2

Trapani - Salernitana domenica 22 ore 21.00

Questa la classifica in attesa della gara di domenica sera Trapani - Salernitana:

Benevento 10

Virtus Entella 10

Ascoli 9

Pisa 8

Perugia 8

Empoli 8

Pescara 7

Cremonese 6

Salernitana 6

Pordenone 6

Crotone 5

Chievo Verona 5

Spezia 5

Venezia 4

Frosinone 4

Cittadella 3

Livorno 3

Cosenza 1

Juve Stabia 1

Trapani 0

GINO PESCITELLI