Calcio Serie B, per i giallorossi terza sconfitta consecutiva ma questa volta con dignità In primo piano

Dopo Brescia e Frosinone è giunto per il Benevento anche il terzo ko consecutivo, questa volta contro il Pisa di D’Angelo.

Ma c’è da dire che questa volta si è trattato di una sconfitta davvero immeritata, giunta grazie alla prodezza, dopo appena cinque minuti gara, di Cohen, che ha trovato il classico… gol della domenica. Per il resto il Benevento è stato sempre in partita, ha sfiorato in tante occasioni il pareggio trovando sulla propria strada un grande Nicolas, senz’altro il migliore in campo. Che ha detto di no a tante occasioni di Letizia e compagni. E nell’ultimo minuto di recupero annullato per fuori gioco molto dubbio il pari, meritato, di Lapadula.

Insomma è stato un buon Benevento quello visto nella città della Torre, anche se molto sfortunato. Indubbiamente tante cose devono ancora essere riviste, ma è chiaro che fin da ora bisogna cominciare a pensare al rafforzamento di gennaio.

C’è però da dire che la settimana di sosta è stata bene utilizzata per correggere i primi errori e la squadra scesa in campo a Pisa ha confermato che è stato fatto un buon lavoro.

E su questa strada che bisogna andare avanti già nella gara di sabato prossimo, alle 14.00, contro la Reggina, quando sarà importante tornare alla conquista dei tre punti.

All’Arena Garibaldi di Pisa si sono rivisti in campo sia Paleari che Improta, che hanno dato il proprio contributo.

Caserta è tornato al 4-3-3 con Paleari, in mascherina. Tra i pali, Letizia e Foulon sulle fasce, Barba e Sagliocco centrali, poi Calò in cabina di regia, supportato da Acampora e Ionita. Sulla trequarti Improta ed Insigne a supporto di Sau. Ben presto Foulon è uscito per infortunio con Elia al suo posto, poi sono entrati anche Lapadula, Di Serio e Viviani.

Insomma un Benevento un po’ più vivo e concentrato, che ora deve continuare su questa strada per cercare di far dimenticare il recente passato. E la gara di sabato giunge a proposito.

GINO PESCITELLI

Foto di Arturo Russo per Realtà Sannita ©