Da ''Harem'' a ''Ciao Maschio''... Alcune riflessioni In primo piano

Nunzia De Girolamo ha definito il suo programma televisivo “Ciao Maschio” un “harem al contrario” e bisogna dire che ha proprio ragione.

Se negli anni Ottanta il focus dei media cominciava ad incentrarsi sempre di più sull’universo femminile: i sogni, le aspirazioni, le paure, le fragilità, la voglia di riscatto delle donne che cercavano di dire la loro, di conquistare spazi e diritti e di farsi strada in ogni ambito sociale e lavorativo, oggi, nel terzo millennio, l’attenzione dei media (sempre loro) si sta orientando sugli uomini, che negli ultimi decenni hanno visto crollare molte delle loro certezze…

Praticamente si è passati dall’uomo duro e puro, quello che “non deve chiedere mai”, che può pretendere tutto ciò che vuole grazie ai suoi muscoli e al suo carattere predominante, l’uomo di successo, poco o per nulla sensibile, amante di sport e motori, all’individuo emotivo e confuso dei nostri giorni.

Tanto per fare un esempio, basti pensare alla campagna pubblicitaria della Gillette negli anni ‘80 - “Il meglio di un uomo” - dove ad un manager di razza bianca, bello, avvenente e fresco di rasatura, una giovane bionda aggiustava la cravatta in maniera servile, invece la pubblicità dei nostri giorni, sempre della Gillette, ha come protagonista il giovane transgender di colore Samson Bonkeabantu Brown, ripreso durante la sua prima rasatura.

Nel 1988 fece la sua comparsa notturna su Rai 3 il programma televisivo “Harem”, condotto da Catherine Spaak che in ogni puntata ospitava a turno tre donne famose, discutendo con loro di tematiche intime, ma strettamente connesse all’attualità, mentre un uomo nascosto dietro una grata le ascoltava, per poi intervenire sul finale.

Harem” - 1988 / “Ciao Maschio” - 2021: a 33 anni di distanza programmi simili, ma incentrati su generi diversi, perché la società è cambiata e maschi e femmine viaggiano ancora con marce diverse.

Solo una cosa non è cambiata: l’orario di messa in onda notturno…

ANNAMARIA GANGALE

annamariagangale@hotmail.it